rotate-mobile
Cronaca Romagnolo

Romagnolo, l'acqua resta non potabile ma le scuole rimangono aperte: "In classe con salviette e igienizzanti"

Nei giorni scorsi, dopo aver trovato un guasto nelle reti, è stato imposto il divieto d'uso in tutta la zona. Ora l'Amap fa sapere che dai campionamenti risulta il rientro dei parametri, ma si aspetta il parere dell'Asp. Intanto protestano i genitori delle elementari Nazario Sauro e Maneri-Ingrassia

L'acqua resta non potabile, ma le scuole non chiudono. Succede alle elementari Nazario Sauro, in viale Amedeo d'Aosta, e Maneri-Ingrassia, in viale dei Picciotti. Nonostante il disagio che da settimane interessa tutta la zona di Romagnolo, gli istituti restano aperti. Un guasto alla rete idrica e fognaria avrebbe compromesso il servizio, stando ai rilievi dell'Amap, tanto che il Comune è subito corso ai ripari per evitare rischi sanitari per la popolazione con due ordinanze che ne vietano l'utilizzo.

L'acqua non si può bere, non può essere usata per cucinare né per lavare i cibi, men che meno per l'igiene personale. E così scatta la protesta dei genitori. "Un rischio per gli studenti che comunque continuano a frequentare la mensa - spiega a PalermoToday il papà di un bambino - il cui servizio non è stato sospeso. All'esterno delle scuole viene affisso l'avviso che fa riferimento all'acqua non potabile e al divieto d'uso, ma i dirigenti scolastici dei due plessi non hanno ritenuto necessario chiudere". 

I bambini dunque restano in classe. "Così come da indicazione dei dirigenti scolastici - prosegue - sono stati invitati a munirsi di salviette e igienizzanti.  Come puliscono aule e banchetti? Come cucinano nella mensa? Trovo assurdo che, visto che alla base dell'igiene c'è l'acqua, come le scuole restino aperte, invitando noi genitori a munire i nostri figli di salviette e non si provveda alla chiusura o all'invio di autocisterne da collegare alle strutture".

Alle domande del genitore risponde il reggente della Nazario Sauro-Franchetti. "L'acqua non si può utilizzare per l'igiene personale - precisa il dirigente scolastico Vito Pecoraro - ma per fare le pulizie sì. Tra l'altro utilizziamo dei prodotti anti batterici. Inoltre nelle mense non si cucina, visto che i pasti vengono preparati fuori e portati a scuola dal Comune. 

Ieri l'Amap ha provveduto al lavaggio della rete nella zona che va da corso dei Mille a via Amedeo d'Aosta, la stessa interessata dall'ordinanza di non potabilità emessa dal sindaco. Dopo una serie di campionamenti, necessari per controllare la qualità dell'acqua distribuita in rete, l'azienda ex partecipata ha evidenziato "il completo rientro dei parametri entro i limiti fissati dalla legge nei punti di controllo. Per ridurre il rischio di possibili contaminazioni della rete - spiega l'azienda in una nota - la stessa è stata sottoposta già da diversi giorni a un regime di pressione costante 24 ore su 24". 

Intanto l'Asp è stata interpellata per nuovi campionamenti di controllo. L'azienda sanitaria provinciale, infatti, già da domani provvederà a verificare lo stato delle acque. "Permane l'assoluto divieto - specifica Amap - di utilizzare l'acqua per fini idropotabili per le utenze ricadenti nelle vie interessate dalle ordinanze finché non verranno revocate". Ogni aggiornamento sarà disponibile sul sito www.amapspa.it o telefonando al numero 091.279111 (risponditore automatico) o al numero verde 800.915333 (esclusivamente da telefono fisso). 

Articolo aggiornato alle 10 del 2 marzo 2023 // Inserita replica del dirigente scolastico

divieto amap

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Romagnolo, l'acqua resta non potabile ma le scuole rimangono aperte: "In classe con salviette e igienizzanti"

PalermoToday è in caricamento