Martedì, 15 Giugno 2021
Cronaca

Abusivismo, sequestrati 3 immobili Uno di questi aveva già i sigilli

In tutti i casi i proprietari, nonché committenti dei lavori, erano sprovvisti di concessione edilizia. Nel caso di Partanna Mondello la polizia municipale era già intervenuta chiudendo il cantiere, violando dunque il provvedimento emesso

L'immobile sequestrato in via Trabucco

Ancora casi di abusivismo edilizio. La polizia municipale ha sequestrato tre immobili in diverse zone della città: Il primo in via Trabucco (Cruillas), il secondo in via Stradella Decano (Aquino) per mancanza di concessione edilizia e nulla osta del Genio Civile, mentre il terzo a Partanna Mondello, in via Carlo Collodi Lorenzini, per violazione dei sigilli. Due uomini ed una donna, quali proprietari e committenti delle opere edili, sono state denunciati all’autorità giudiziaria.

A Cruillas, in via Trabucco, dal piano terra di una costruzione preesistente gli agenti hanno riscontrato il consolidamento dei pilastri in cemento armato, con ricostruzione delle parti danneggiate. E’ stata inoltre realizzata una sopraelevazione di un primo piano, mediante muratura perimetrale e copertura a due falde con travetti e tavolato ed un massetto in cemento armato. Durante il sopralluogo degli agenti l’immobile, che ha un'estensione di circa 110 metri quadrati, si presentava allo stato grezzo: mancante di infissi, pavimentazione, tramezzatura interna e scala di collegamento con il piano sottostante. Il proprietario e committente delle opere è stato denunciato all'autorità giudiziaria perché sfornito di concessione edilizia e nulla osta del Genio Civile.

Identico provvedimento è stato eseguito nei confronti della proprietaria di una palazzina preesistente ad un piano, nella zona di Aquino, in via Stradella Decano, ricadente in area sottoposta a vincolo paesaggistico e pertanto soggetta al nulla osta della soprintendenza che non è stato esibito agli agenti durante le verifiche. All’interno dell’immobile è stato verificato in corso di realizzazione sul terrazzo di copertura, una sopraelevazione di un piano per circa 50 metri quadrati, con strutture in cemento armato e muratura. La struttura, lasciata allo stato grezzo e priva di scala di collegamento, era stata chiusa grazie ad alcuni muri e coperta con tetto a falde in assi e travi in legno.

L'ultimo immobile si trova dalle parti di Partanna Mondello, in via Carlo Collodi Lorenzini, ed è stato sequestrato per violazione dei sigilli alle opere edili apposti con un provvedimento del 3 agosto scorso. All’interno di un’area di pertinenza condominiale si stavano costruendo due box in muratura di circa 40 metri quadrati. Accertata la prosecuzione delle opere consistenti nella chiusura degli ambienti tramite mura, sono stati riapposti i sigilli al cantiere. Il proprietario e committente delle opere è stato denunciato all’autorità giudiziaria per il mancato possesso della concessione edilizia e dei nulla osta Genio Civile e della soprintendenza. I sequestri rientrano nell’ambito dei controlli del territorio e della tutela dell’ambiente predisposti dal comandante della polizia municipale Vincenzo Messina, coordinati dal commissario Enrico Farina, del nucleo di polizia urbanistico-edilizia.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Abusivismo, sequestrati 3 immobili Uno di questi aveva già i sigilli

PalermoToday è in caricamento