La Sicilia regno dell’abusivismo: oltre settemila casi in due anni

E' quanto emerge dal rapporto presentato stamani dall'assessore regionale al Territorio e Ambiente, Mariella Lo Bello. Catania la provincia con più abusi, subito dietro Palermo con 541 nel 2012 e 692 nel 2011. E la Regione striglia i Comuni

Una delle due ville sequestrate a Sferracavallo a marzo dai vigili

Quasi 4 mila abusi scoperti nel 2011 e poco più di 3 mila nel 2012. E ancora: secondo l'ultimo dato disponibile, quello del 2011, le pratiche di sanatoria sono 758.856. La "capitale" dell'abusivismo è Catania, con oltre mille abusi per 250 mila metri cubi, Palermo subito dietro con 541 nel 2012 e 692 nel 2011. E' quanto emerge dal rapporto presentato stamani dall'assessore regionale al Territorio e Ambiente, Mariella Lo Bello, su dati del Siab, il sistema informativo sull'abusivismo che censisce le opere realizzate in assenza o in difformità dalla concessione edilizia. Ci sono ben 35 mila edifici costruiti entro i 150 metri di distanza dalla costa, in violazione delle norme. Poche finora le demolizioni: appena 98 nel 2012, a fronte di oltre 1.200 ordinanze di abbattimento.

I dati per il 2012 sono ancora parziali perché circa un terzo delle amministrazioni comunali non hanno ancora trasmesso tutta la documentazione. Si ripete, comunque, la tendenza del 2011 quando i casi di abusivismo erano stati circa 4.000 per un totale di 856.000 metri cubi. Al primo posto per abusi accertati è Catania (697 nel 2012 e 990 nel 2011), seguita da Palermo (541 nel 2012 e 692 nel 2011), Trapani (529 nel 2012 e 501 nel 2011), e Messina (494 nel 2012 e 612 nel 2011).

Il rapporto evidenzia che la causa principale per cui i Comuni non procedono alle demolizioni si lega agli alti costi delle operazioni, ma non chiarisce perché non si proceda all’acquisizione del bene al demanio pubblico, come previsto dalla legge. E' risultato che in alcune occasioni i Comuni, afferma il direttore generale del dipartimento Urbanistica della Regione, Gaetano Gullo, "dopo aver emesso l ordinanza di demolizione non hanno controllato, e non hanno proceduto all’acquisizione dell’immobile, e questo è un abuso. Lo scorso anno è accaduto solo 7 volte, un numero veramente esiguo".

Per dare "un segnale di cambiamento, un segno di svolta", come dice l'assessore regionale Mariella Lo Bello, gli uffici hanno emanato una circolare rivolta a tutti i Comuni inadempienti avvertendoli che se entro 4 mesi non porteranno a termine l'iter di tutte le procedure di demolizioni e di acquisizioni territoriali, saranno denunciati i responsabili degli uffici. Per gli episodi più gravi, la Regione potrebbe avviare le procedure di commissariamento. "Questo dossier - sottolinea Lo Bello- è il primo vero rapporto sull'abusivismo edilizio nella Regione, un segnale di cambiamento come dimostrato dall’abbattimento dell'ecomostro di Scala dei Turchi. Non bisogna fermarsi - conclude l'assessore - e questa circolare va in questa direzione obbligando le amministrazioni a non commettere più quel reato di omissione che ha distrutto la nostra Isola".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Colpo al clan dell'Arenella, 8 arresti: c'è anche il boss accusato della strage di via D'Amelio

  • Donna di 52 anni muore al Policlinico, tensione in ospedale: familiari sporgono denuncia

  • La migliore arancina di Palermo? Simone Rugiati non ha dubbi: "E' quella di Sfrigola"

  • Giro di escort in pieno centro: facevano prostituire 10 palermitane, tre arresti

  • Mafia, la vedova Schifani sull'arresto del fratello: "Sono devastata, per me è morto ieri"

  • L'Arenella e lo Scotto da pagare: dallo "stigghiolaro" a Galati nella rete del racket

Torna su
PalermoToday è in caricamento