Cronaca

"Adescava ragazzini su Facebook e abusava di loro": condannato novizio

Tre anni e mezzo per Giusto Francesco Palazzotto, dell'Ordine dei Cusmaniani, arrestato nel settembre 2016. Nei pc che gli sono stati sequestrati c'erano decine di immagini pedopornografiche. A sostenere l'accusa il pm Chiara Capoluongo

Avrebbe avvicinato alcuni ragazzini in parrocchia e in alcuni casi li avrebbe adescati utilizzando Facebook. Il gup di Palermo Fabrizio La Cascia ha condannato a 3 anni e mezzo Giusto Francesco Palazzotto, 47 anni, novizio dell'Ordine dei Cusmaniani, per i reati di violenza sessuale tentata e consumata. Era stato arrestato a settembre 2016 dopo le indagini effettuate dalla Polposta di Palermo che avevano permesso di acquisire prove schiaccianti sul suo conto. A sostenere l’accusa il pm Chiara Capoluongo che a giugno aveva chiesto per lui 5 anni e 8 mesi di reclusione.

All’epoca dei fatti il novizio si trovava nella chiesa del Cuore di Gesù di corso Calatafimi. Secondo alcune delle sue presunte vittime Palazzotto avrebbe spiegato loro che una donna, morta vergine, si sarebbe reincarnata in lui e che avrebbe avuto bisogno di appagare i suoi desideri sessuali. E con questo pretesto avrebbe invitato uno degli adolescenti nella sua camera da letto. Per l’accusa avrebbe inoltre chiesto ad altri ragazzini di inviargli, tramite la chat di Facebook, alcune foto delle loro parti intime. Al momento del sequestro, nel suo pc sono state trovate decine di immagini di ragazzi nudi, probabilmente scaricate da internet.

A dicembre 2016 un altro ragazzo ha mosso nuove accuse nei suoi confronti. Il giovane ha raccontato di essere stato toccato da Palazzotto durante un viaggio in macchina verso Monreale. Poco più di un mese dopo la richiesta di giudizio immediato, senza passare dall’udienza preliminare. Il novizio ha sempre respinto fermamente l'accusa di aver abusato in alcun modo dei ragazzini, ma l’impianto accusatorio costruito attorno alla vicenda è risultato solido e ha portato in poco più di un anno alla condanna.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Adescava ragazzini su Facebook e abusava di loro": condannato novizio

PalermoToday è in caricamento