menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
I barman Vincenzo Cappello e Giuseppe Cirrito

I barman Vincenzo Cappello e Giuseppe Cirrito

Cantavespri, i barman Cirrito e Cappello tra i primi dieci in Italia per Absolut

Una gara a suon di creazioni e di “buon bere” che vedrà le migliori coppie di barman sfidarsi nei prossimi mesi nella finale mondiale che si terrà in Svezia. Il cocktail “Mister Smith”, la loro ultima creazione, ha riscosso un assoluto consenso

In questi giorni, la Absolut - nota azienda produttrice di Vodka - ha selezionato una delle più importanti realtà della “movida” palermitana, il Cantavespri Vini e Vinili (che si trova in zona piazza Rivoluzione) per l’"Absolut Invite”. L'incontro è avvenuto a Milano tra le 10 realtà del panorama italiano più innovative e attente alla qualità: il Cantavespri è stato tra gli unici a essere selezionati per il Sud Italia. Una gara a suon di creazioni e di “buon bere” che vedrà le migliori coppie di barman sfidarsi nei prossimi mesi nella finale mondiale che si terrà in Svezia.

Questo grazie all’attività creativa del noto barman Giuseppe Cirrito e del suo più promettente allievo Vincenzo Cappello. La loro ultima creazione, nello specifico, ha riscosso un assoluto consenso. Trattasi del cocktail “Mister Smith”, appartenente alla categoria dei “sour” e rivisitazione del classico “Moscow Mule”: a partire dalla creazione di un estratto di cetriolo e zenzero trasformato poi in sciroppo si genera una miscela fortemente rinfrescante, fresca e dissetante. A guarnire il tutto uno steccone di bambù con pomodorino, acciuga e nespola. Per Giuseppe Cirrito “ogni stagione ha il suo drink” e “una persona che assaggia per la prima volta un cocktail deve soddisfare sia il gusto che la vista e l’olfatto. L’occhio vuole la sua parte, la presentazione, sicuramente, è fondamentale e va unita alla semplicità che è una delle basi sulle quali ho poggiato la mia carriera”.

E proprio sul buon bere che Giuseppe Cirrito ha fondato la sua Associazione “Noi amiamo il buon bere” che vede in questo periodo crescere al suo interno la giovane promessa del bartending palermitano Vincenzo Cappello. Per Vincenzo “è fondamentale avere alle spalle una struttura come il Cantavespri che ti permetta di lavorare con creatività e innovazione mettendo a nostra disposizione tutto il necessario per soddisfare i sensi dei clienti, non solo palermitani ma spesso stranieri”.

E riguardo gli stranieri, Giuseppe Silvestri, il titolare del Cantavespri, aggiunge: “Soprattutto visto il grande afflusso di turisti presenti in Sicilia nell’ultimo periodo, il modello che vorremmo far passare è quello di attività notturna dove non vi sia nulla lasciato al caso o di improvvisato, dove vi sia grande attenzione per la qualità e alto standard in tutti gli aspetti. Dalla presentazione del locale alla sua programmazione e all'offerta di prodotti. Un locale notturno a Palermo, oggi, deve essere senza dubbio il completamente dell’offerta turistica della città non più un’attività improvvisata ma un biglietto da visita per tutto il territorio”.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento