rotate-mobile
Giovedì, 30 Maggio 2024
Cronaca Cefalù

Raddoppio ferroviario Palermo-Messina, abbattuta l'ultima barriera della galleria Sant'Ambrogio

Con la caduta del diaframma si uniscono i due fronti di scavo, consentendo il completamento di un tunnel lungo quasi 4 km sulla tratta Ogliastrillo-Castelbuono

E' stato abbattuto oggi l’ultimo diaframma della Galleria Sant'Ambrogio, tappa fondamentale per il raddoppio della linea ferroviaria Palermo-Messina. Con la caduta della barriera si uniscono i due fronti di scavo della galleria consentendo il completamento di un tunnel lungo quasi 4 km, scavato integralmente con metodo tradizionale, sulla tratta Ogliastrillo-Castelbuono.  

I lavori rappresentano un ulteriore passo del Polo Infrastrutture del Gruppo FS per il potenziamento della rete ferroviaria siciliana, e sono stati affidati da Rfi alla Toto Costruzioni Generali sotto la Direzione lavori di Italferr. "L’evento - si legge in una nota di Rfi - completa una delle maggiori opere del cantiere di Cefalù e conferisce un nuovo slancio per il prosieguo degli ulteriori interventi previsti in galleria, per poi passare agli impianti tecnologici". 

L'intervento complessivo prevede, oltre la realizzazione della Galleria Sant'Ambrogio, anche lo scavo meccanizzato della Galleria Cefalù, la realizzazione della nuova fermata di Cefalù interamente sotterranea, la nuova Stazione di Castelbuono, la soppressione di cinque passaggi a livello, nonché la messa in sicurezza della porzione di territorio in cui si inserisce l'opera attraverso la sistemazione idraulica dei torrenti.  

Il prossimo appuntamento sarà l’abbattimento del diaframma della Galleria Cefalù per mezzo della fresa “Margherita”, la Tunnel Boring Machine (TBM), che da Ogliastrillo realizzerà una delle due canne a singolo binario con scavo meccanizzato e che attualmente ha percorso circa il 13% del tracciato.

I fondi per la Palermo-Catania ad alta velocità

Sempre oggi, il Consiglio superiore dei Lavori pubblici al ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ha approvato due progetti dal valore totale di 4,5 miliardi di euro di Rete ferroviaria Italiana, capofiia del Polo Infrastrutture del Gruppo Fs, destinati ad imprimere un'accelerata allo sviluppo dell'alta velocità ferroviaria nel Mezzogiorno. Uno dei due progetti riguarda la tratta Fiumetorto - Lercara Diramazione della linea Palermo-Catania, ultimo lotto funzionale del valore di 1,8 miliardi. Le gare saranno pubblicate entro la fine dell'anno con aggiudicazione entro la fine di maggio 2023 con l'avvio della successiva progettazione esecutiva e poi dei lavori a partire da giugno 2023. Entrambi i progetti sono parte integrante del Corridoio della rete TEN-T Scandinavia - Mediterraneo che collega Palermo a Helsinki.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Raddoppio ferroviario Palermo-Messina, abbattuta l'ultima barriera della galleria Sant'Ambrogio

PalermoToday è in caricamento