Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

VIDEO | Telecamere e video su Youtube contro l'abbandono dei rifiuti: a Bagheria in due mesi 58 multe

Il monitoraggio tramite occhio elettronico è coordinato dal comando della polizia municipale. Su Youtube un video che "inchioda " gli incivili

 

L'occhio vigile delle telecamere contro l'abbandono di rifiuti. Proseguono così a Bagheria i controlli contro gli incivili che abbandonano i sacchetti colmi di immondizia in strada. Il monitoraggio tramite occhio elettronico è coordinato dal comando della polizia municipale. "Sono già stati identificati e sanzionati diversi cittadini indisciplinati - spiegano dal Comune - che hanno gettato rifiuti lungo il prolungamento di via Dante, in via Tommaso Campanella, e ancora in via Morana angolo corso Butera".

Da gennaio 2020 a oggi, sono 58 le multe per abbandono di rifiuti per un importo pari a 600 euro ciascuna. Nel 2019 sono stati elevate 214 multe per la stessa tipologia di reato.

"Desidero ringraziare il comando dei vigili urbani e in particolare la squadra coordinata dal tenente Lino D’Amico per il lavoro di controllo del territorio che svolgono – dice il sindaco di Bagheria, Filippo Maria Tripoli – abbiamo pubblicato sul nostro canale Youtube e sui social comunali un altro video per denunciare gli abbandoni di rifiuti che ancora si verificano e che creano un danno di decoro ed economico per la città. Fortunatamente sono solo una piccola percentuale, mentre la gran parte dei bagheresi che amano questa città fanno la differenziata abbastanza correttamente. E’ a questi cittadini che mi rivolgo, collaboriamo per la comunità. I controlli continueranno e continueremo ad intervenire su questi incivili con rigore e fermezza".

Potrebbe Interessarti

Torna su
PalermoToday è in caricamento