Martedì, 15 Giugno 2021
Cronaca

A Torretta la "sagra dei virgineddi"

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

Il Comune di Torretta, insieme ad alcune associazioni locali (associazione Giovani per Torretta, Mov. I Love Torretta, Istituto compr. Calderone Carini Torretta, Mov. Torretta Cambia, Ass. Una Goccia nell'Oceano) organizza per il giorno di San Giuseppe (19 marzo) la sagra dei "Virgineddi". I festeggiamenti prevedono lo svolgimento di riti ricchi di simbolismo, soprattutto la tradizionale "vampa". Dubbio è il significato dell'accensione di questo fuoco e forse ormai nessuno si chiede perché esso viene acceso. Alcuni usano ricordare il freddo che San Giuseppe soffrì nella grotta di Betlemme, per cui il significato sarebbe fondamentalmente religioso e cristiano. Per altri la "vampa" invece avrebbe un significato semplicemente pagano. Strettamente connessa alla "vampa" è la distribuzione del "Pani ca sasizza" che viene sempre arrostita sulle braci ancora ardenti rimanenti dalla "vampa". Ad accompagnare questo pasto, un buon bicchiere di buon vino.

Infine merita molta attenzione la tradizionale "Tavulata di Virgineddi", banchetto offerto in passato dai ricchi borghesi (età feudale) ai poveri in segno di riconoscenza a San Giuseppe. Dopo aver ricevuto la benedizione dal Sacerdote, i padroni di casa che avevano ricevuto una grazia da San Giuseppe, offrivano a porte aperte il banchetto. Durante il banchetto era usanza servire per primi i bambini che avessero da poco ricevuto la Prima Comunione, appunto i "Virgineddi". Da qui il nome dato alla tavolata. Preparare i Virgineddi di Torretta è facile, ma è necessario un po' di tempo (in occasione della festa, la preparazione comincia circa tre giorni prima). Il piatto è formato da 7 diversi ingredienti: 3 diversi legumi (fagioli, lenticchie, ceci), e 4 tipi di verdure (broccoli, cavoli, finocchietto selvatico, e borragine). Per prepararlo è sufficiente cucinare le verdure con del riso (per evitare che si attacchino al fondo) e, a parte, i legumi con carote, sedano, e cipolla. Quando le verdure arrivano a metà cottura si aggiunge la pasta fresca ( i "tagghiarini"), che cuoce in pochissimo tempo. A questo punto bisogna aggiungere i legumi, condire con olio d'oliva e pepe, e i Virgineddi di Torretta sono pronti per essere gustati.

Questo il programma della manifestazione:

    ore 10:00 SANTA MESSA in onore di S. Giuseppe;
    ore 11:00 Benedizione delle "7 PITANZE" da parte dell'Arciprete Don Tommaso D'Amico;
    ore 12:30 Raduno delle scolaresche dell' Istituto comprensivo;
    ore 12:45 Inizio della distribuzione, in Piazza Vittorio Emanuele, dei "VIRGINEDDI" agli Ammalati​ con la collaborazione dell'Ass. "Una Goccia dell'Oceano";Distribuzione dei "Virgineddi" a tutti i convenuti da parte dell'Associazione Giovani per Torretta, Movimento "Torretta Cambia" e "I LOVE TORRETTA";
    ore 18:00 SOLENNE MESSA in onore di S. Giuseppe;
    ore 19:00 SOLENNE PROCESSIONE del Santo Simulacro di San Giuseppe;
    ore 20:45 Tradizionale VAMPA DI SAN GIUSEPPE in Piazzale Nassyria e degustazione di salsiccia a cura dell'Ass. "Giovani Per Torretta".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

A Torretta la "sagra dei virgineddi"

PalermoToday è in caricamento