Cronaca

Inps, false pensioni nel palermitano: sei arresti e 33 denunce

Circa 30 i casi, finora ricostruiti, tutti nella parte occidentale della provincia. Tra le persone finite in manette anche un dipendente. La truffa è stata scoperta dai carabinieri

Creavano false pensioni ad hoc nella banca data dell'Inps grazie anche all'aiuto di un impiegato infedele. Ma la truffa è stata scoperta dai carabinieri che hanno arrestato all'alba di oggi sei persone, tra cui un dipendente dell'Inps, e a altre 33 persone sono state notificate avvisi di garanzia. Il danno all'erario viene calcolato in oltre 1,8 milioni di euro. L'operazione, denominata “Pensionefacile.it”, è il frutto di indagini dei carabinieri della sezione di polizia giudiziaria della Procura della Repubblica, coordinate dal Procuratore aggiunto di Palermo Leonardo Agueci e dal pm Alessandro Picchi. I reati contestati sono di frode informatica, truffa aggravata e falso materiale in atti pubblici. Il gip del Tribunale Lorenzo Matassa ha disposto anche il sequestro preventivo di alcuni beni immobili “per equivalente”, cioè per importo pari al danno erariale arrecato.

Circa 30 i casi, finora ricostruiti, tutti nella parte occidentale della provincia di Palermo. Si è potuto accertare, da segnalazioni dello stesso Istituto previdenziale, che un impiegato infedele dell'ufficio Pensioni dell'Inps, introducendosi nel sistema informatico, costruiva o modificava le posizioni contributive previdenziali di alcune persone gravitanti nell'ambito di un patronato di Partinico che così diventavano titolari di pensione o ricevevano assegni più ricchi di quelli cui avrebbero avuto diritto. In cambio, avrebbero ceduto consistenti somme di arretrati che l'Inps erogava sulla base dei dati falsamente inseriti. Adesso sono in corso ulteriori indagini per verificare altre posizioni contributive sospette.

"Abbiamo scoperto l'ennesimo episodio di assalto alle finanze pubbliche". Così, il procuratore di Palermo Francesco Messineo commenta l'operazione dei carabinieri che all'alba di oggi hanno arrestato 6 persone nell'ambito di un'inchiesta su false pensioni. "Noi continueremo un'attenta vigilanza sulla pubblica amministrazione nei limiti dei poteri che la legge ci riconosce - ha detto ancora Messineo - in questa operazione siamo stati anche aiutati dall'Inps che ha fatto luce su quanto accaduto". Come emerso dalle indagini è stato un funzionario infedele, Simone Saputo, a organizzare la truffa valsa 1,8 mln di euro.

 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Inps, false pensioni nel palermitano: sei arresti e 33 denunce

PalermoToday è in caricamento