menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Viaggiano in 14 in una macchina: "Stiamo tornando da una festa"

Al volante un ragazzo di 27 anni per il quale era stata appena presentata una denuncia di scomparsa da Palermo. E' successo in Brianza. Per il giovane è scattata una pesante sanzione

Sospensioni "provate" dal peso del carico e un'andatura inequivocabilmente affaticata. E' stata grande la sorpresa degli agenti della polizia locale quando dopo aver fermato una Opel Zafira per un controllo stradale, si sono ritrovati stipate nell'auto ben quattordici persone, dieci adulti e quattro minori, tutti cittadini stranieri. E' successo negli scorsi giorni a Monza. Al volante della monovolume c'era un ventisettenne per il quale era stata presentata solo un paio di giorni prima una denuncia di scomparsa da Palermo dal responsabile del centro di accoglienza dove il giovane era ospite. 

Gli accertamenti sul mezzo, omologato per trasportare al massimo sette persone, sono scattati di notte. Insieme al ventisettenne sull'auto, trasformata in un pullman, viaggiavano altri nove adulti, tutti ospiti di centri di accoglienza, di cui solo tre in attesa di permesso di soggiorno e gli altri undici clandestini. Quattro invece i minorenni a bordo: un bambino di otto anni, un 14enne, un 13enne e un ragazzo di 17 anni. 

Agli agenti che hanno domandato loro dove fossero diretti hanno risposto di essere in viaggio di ritorno da una festa. Nelle intenzioni del conducente l'obiettivo era quello di riaccompagnare tutti i viaggiatori nelle rispettive strutture di accoglienza. Tutti i paseggeri e l'uomo alla guida dell'auto invece sono stati portati nell'Ufficio Immigrazione della Questura di Milano. Per il 27enne al volante è scattata anche una pesante sanzione per aver caricato il mezzo con un numero di passeggeri superiore a quello previsto.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento