Non rinunciare al calduccio risparmiando in bolletta: come ottimizzare i riscaldamenti

Trascorrete le giornate nel caldo di casa è il desiderio di tutti, ma se da una parte ci permette di stare al riparo dal freddo invernale, dall’altra siamo consapevoli che avere i termosifoni accesi fa lievitare il costo delle bollette 

Trascorrete le giornate nel caldo di casa è il desiderio di tutti, se da una parte ci permette di stare al riparo dal freddo invernale, dall’altra siamo consapevoli che avere i termosifoni accesi fa lievitare il costo delle bollette e comporta delle ripercussioni a livello ambientale perchè aumenta l'emissione di Co2 nell’aria. Per non rinunciare al calore, avere una spesa ridotta e adottare uno stile di vita green ecco alcuni consigli su come ottimizzare i riscaldamenti. 

Gli orari giusti per accendere il riscaldamento

Molti di noi trascorrono la giornata fuori casa, per questo meglio evitare di programmare l'accensione dei termosifoni quando siamo fuori per lavoro. L'ideale è azionarli la sera, quando possiamo godere al meglio del tepore e spegnerli completamente di notte. Inoltre, in base alla zona climatica in cui ci troviamo è possibile accendere i termosifoni per un determinato periodo di tempo. Palermo rientra nella Zona B. Qui i gradi-giorno vanno tra 600 e 900 ed è possibile accenderli per 8 ore al giorno.  

Manutenzione della caldaia

Prima di accendere i termosifoni bisogna eseguire la manutenzione della caldaia per avere un apparecchio sicuro così da inquinare e consumare meno. Se l'impianto è vecchio e supera i 15-20 anni, meglio cambiarlo e sostituirlo con uno a condensazione o a pompa di calore. In questo modo si avrà un impianto sicuro e si potranno sfruttare gli sgravi fiscali. Inoltre, prima di accendere i termosifoni bisogna svuotare l'aria e togliere l'accumulo di polvere.

Temperatura controllata

La temperatura ideale da avere in casa è di circa 20° C sia per ridurre i consumi, che per avere benefici fisici. Se vogliamo aumentare il calore senza alzare il termostato, una soluzione è quella di mettere dietro al termosifone un pannello riflettente (basta anche la semplice carta di alluminio), questo riduce le dispersioni verso l’esterno incanalando l’aria calda e aumentando il rendimento del calore.

Valvole termostatiche e cronotermostati

Decidere la temperatura che risponde meglio alle nostre esigenze è possibile grazie alle valvole termostatiche che ci permettono di decidere anche l'orario di accensione. Utile nei condomini con riscaldamento centralizzato permettono di pagare solo i consumi e di avere un risparmio pari al 20%. I cronotermostati invece, sono una soluzione smart che permette di regolare da remoto l'accensione dei termosifoni suddividendo la casa in zone.

Lasciare liberi i termosifoni

Il calore dei termosifoni deve essere libero di sprigionarsi all'interno della stanza quindi non dobbiamo coprirli o posizionare dei mobili che bloccano la diffusione dell’aria.

Sostituire vetri e finestre

Se le finestre sono vecchie e lasciano passare il freddo possiamo risolvere il problema mettendo delle guarnizioni o sostituendo gli infissi. Nel caso in cui vogliamo ristrutturare casa possiamo anche optare per la creazione del cappotto termico alle pareti. In questo modo il riscaldamento non si disperde e si ha un risparmio in bolletta grazie anche agli incentivi per la ristrutturazione.

Prodotti online

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Contributo affitto: 10 mila famiglie siciliane avranno aiuto dalla Regione

  • In stile montessoriano, con sedie a dondolo e fasciatoi: idee d'arredo per la stanza di un neonato

  • Piccola ma non piccolissima: come arredare una mansarda, la casa preferita dai single

  • Spuntare, cimare o "sbocciolare" ma rigorosamente in inverno: come potare le piante

  • Conviviale, spaziosa e alla moda: perché scegliere una cucina con l'isola

  • Il sogno di ogni donna si chiama cabina armadio: come deve essere quella "perfetta"

Torna su
PalermoToday è in caricamento