Natale tra alberi e lucine, una casa addobbata a festa ma sicura e a prova di bambini

Addobbare casa è bello e divertente, soprattutto se in casa ci sono dei bambini. Proprio per metterli al sicuro dobbiamo rispettare alcune norme. Vediamo come avere una casa natalizia sicura e a prova di piccoli

Quando arriva dicembre molti non vedono l’ora di decorare casa con luci, alberi, ghirlande e palline per creare la giusta atmosfera. La cosa diventa ancora più bella se in casa ci sono bambini i quali non vedono l’ora di essere circondati da lucine, festoni e pupazzi a tema natalizio. Per vivere al meglio questo periodo è fondamentale prevenire spiacevoli incidenti. I piccoli sono vivaci e curiosi, pronti a scoprire e toccare tutto ciò che li circonda. Per questo creare un ambiente sicuro è fondamentale. Vivere in totale tranquillità in una casa decorata in pieno stile villaggio di Babbo Natale è possibile, basta adottare le giuste precauzioni, vediamo quali.

Albero

La prima cosa da valutare quando si decide di acquistare un albero artificiale è accertarsi che sia realizzato in materiale ignifugo e che riporti il marchio CE. Inoltre deve avere una base stabile e ancorato ad un mobile o alla parete per evitare che cada se i bambini troppo curiosi decidono di aggrapparsi. Se invece optate per quello vero, il rischio che prenda fuoco in caso di cortocircuito è maggiore. Per prevenirlo meglio scegliere un modello non troppo secco.

Luci

Fondamentali sull’albero sono le luci, che poco alla volta hanno invaso altri punti della casa e in alcuni casi l’esterno. Per andare sul sicuro dovete scegliere quelle a marchio CE. La certificazione viene data a seguito di una serie di test di controllo dell’azienda che li ha fabbricati, in base a delle norme imposte dall’Unione Europea. La marcatura deve essere presente anche sull’etichetta del prodotto e devono essere presenti e ben visibili sulla confezione e sull’etichetta i dati dell’importatore e il paese di fabbricazione. Tutto deve essere riportato in lingua italiana.

Se, invece, volete installare le luci da esterno, sull’etichetta devono riportare la dicitura “uso esterno” e devono essere contrassegnate dal Codice IP, Marchio Internazionale Protezione, o Marchio Protezione Ingresso, che indica il grado di protezione di materiale elettrico in presenza di particelle solide o di liquidi. Lo standard deve essere minimo IP44. Meglio adottare luci a bassa tensione (24 V), con alimentatore separato.

Prima di montarle dobbiamo accettarci del loro funzionamento, controllare che non ci siano fili scoperti, che la spina e il cavo siano danneggiati e che il controller non sia rotto. Se una lampadina della catena non funziona o è rotta, meglio sostituirla. Ora bisogna valutare bene come posizionare le luci. Meglio evitare che costituiscano un ostacolo per il passaggio. Inoltre devono essere posizionate lontano da materiali infiammabili, come tende, tappeti o tessuti.

Se ci sono più catene di luci, meglio usare una presa per ogni spina, spine triple possono diventare instabili a causa del peso. Una soluzione semplice è quella di utilizzare le ciabatte. Per fissare le luci, non usare ganci di metallo o metterle vicino a fonti in metallo. Questo è un conduttore di elettricità e quindi potenzialmente pericoloso. Inoltre prima di uscire di casa o di andare a dormire, bisogna staccare sempre tutte le spine.

Addobbi

In caso di bambini o animali domestici, meglio evitare addobbi troppo fragili. Alle palline di vetro preferite quelle infrangibili o decorazioni in stoffa. Soprattutto evitare addobbi con pezzi piccoli che si possono staccare e quindi essere inghiottiti per sbaglio.

Addobbi online sicuri

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bonus verde per avere un giardino sempre al top risparmiando: cosa è e chi può usufruirne

  • Elimina germi e batteri, rimuove lo sporco senza rovinare: i segreti della pulizia a vapore

  • Dai peluche ai giochi in legno o plastica: come disinfettare i giocattoli dei bambini

  • Il sogno di un open space senza pareti intorno: come riconoscere e modificare i muri portanti

Torna su
PalermoToday è in caricamento