rotate-mobile
Lunedì, 24 Gennaio 2022
Ristrutturare

Un elemento d'arredo chic e senza tempo: come ripensare le case con un camino

Adatto alle case con un arredamento rustico, può diventare un elemento che si integra alla perfezione nell'ambiente in cui si trova

Il camino negli ultimi anni non è più visto solo come un accessorio funzionale, ma è diventato un vero e proprio elemento d’arredo in grado di dare una marcia in più alla stanza in cui si trova. Perfetto da mettere in funzione per contrastare il freddo delle giornate invernali, crea un ambiente avvolgente pronto a far trascorrere pomeriggi piovosi distesi sul divano nel relax più totale. Adatto alle case con un arredamento rustico, il camino può diventare un elemento che si integra alla perfezione nell’ambiente in cui si trova. Se avete voglia di ristrutturare un vecchio camino conservando il suo fascino, ma rendendolo moderno, è ora di pensare ad un restyling.

La parola d’ordine è funzionalità

I camini sono affascinanti, riescono a riscaldare l’ambiente in cui si trovano, ma spesso non si mettono in funzione perché non riescono a svolgere adeguatamente il loro lavoro. Per rimediare al mal funzionamento è importante individuare la causa! Spesso il problema risiede nella canna fumaria che non riesce ad assicurare un buon tiraggio, altre volte può succedere che nonostante la manutenzione frequente, i materiali che compongono il camino, sono ormai usurati o vecchi. In questo caso è importante contattare una ditta competente ed effettuare le riparazioni necessarie.

Scegliere la combustione in base alle esigenze

Quando decidete di ristrutturare un camino dovete decidere anche come volete alimentarlo. Il classico camino a legna ha un fascino senza tempo, ma spesso comporta una gestione impegnativa e non sempre si ha il tempo per occuparsene in maniera adeguata. In questo caso potete decidere di passare ad un termocamino alimentato a pellet, che assicura il massimo rendimento, oppure scegliere un camino al bioetanolo, adatto se non avete la canna fumaria. Questo modello però, ha una finalità più decorativa che funzionale.

Scegliere il rivestimento adeguato

Una volta riparati i danni e scelta la combustione è arrivato il momento di dedicarsi al design e optare per un rivestimento adatto allo stile della casa. Le alternative sono diverse, come:

  • Camino in legno: il materiale naturale ha un fascino senza tempo, ma soprattutto la sua caratteristica principale è la versatilità. Utilizzare un rivestimento in legno per il camino, vuol dire dargli un aspetto moderno conferendo allo stesso tempo calore all’ambiente. Utilizzare ad esempio le doghe in legno grezzo in un ambiente dallo stile contemporaneo, vuol dire mettere in risalto le caratteristiche del materiale e dare carattere alla stanza
  • Camino in mattoni: perfetto se non avete voglia di intraprendere grandi ristrutturazioni o avete un budget basso, il rivestimento è molto versatile. Infatti, basta semplicemente dipingere i mattoni e in poco tempo avrete un elemento d’arredo totalmente differente. In una casa dallo stile nordico il bianco è un must have e il camino non può essere da meno, inoltre, il bianco permetterà di alleggerirne la struttura. Se invece volete enfatizzarlo, è possibile tinteggiare i mattoni con un colore naturale che si sposa bene con uno stile rustico
  • Camino in pietra: questo è un materiale che permette di dare al camino un design accattivante in base al suo taglio. Le pietre squadrate sono perfette se volete ricreare in salotto la tipica atmosfera da baita. Se invece volete ottenere un aspetto più minimal, potete optare per pietre bianche e piatte
  • Camino in pietra ricostruita: anche questa opzione è utile se volete rinnovare il camino senza spendere una fortuna. La pietra ricostruita a differenza di quella naturale, ha un costo più basso ed è facile da applicare perché è molto più leggera

Prodotti online

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Un elemento d'arredo chic e senza tempo: come ripensare le case con un camino

PalermoToday è in caricamento