Quando si possono accendere i termosifoni: a Palermo "via libera" da dicembre

Dal 15 ottobre in Italia scatta la possibilità di accendere gli impianti di riscaldamento, ma non per tutti. Le regole per l’accensione dei termosifoni variano a seconda della città di residenza

Dopo gli ultimi acquazzoni e l'abbassamento delle temperature, soprattutto nelle ore serali, ci si sta proiettando giorno dopo giorno verso l'autunno inoltrato e quindi verso l'inverno. E molti iniziano a porsi la domanda: ma quando si possono accendere i termosifoni? 

L'accensione della caldaia del condominio è regolamentata dalla legge 10/1991 che definisce quando si può accendere il riscaldamento centralizzato in base alla zona climatica di residenza. Palermo è inserita nella fascia climatica B. Caloriferi accesi quindi solo a partire dal 1° dicembre.

Oltre la data di accensione, anche le ore di attività delle caldaie sono definite per legge a seconda delle fasce climatiche. Di norma gli impianti vanno accesi dopo le cinque del mattino e spenti entro le 23. 

LE DATE DI ACCENSIONE CITTA' PER CITTA' 

Zona climatica A: dal 1 dicembre al 15 marzo, per 6 ore al giorno (Comuni di Lampedusa e Linosa; Porto Empedocle)

Zona climatica B: dal 1 dicembre al 31 marzo, per 8 ore al giorno (Agrigento; Catania; Crotone; Messina; Palermo; Reggio Calabria; Siracusa; Trapani)

Zona climatica C: dal 15 novembre al 31 marzo, per 10 ore al giorno (province di Imperia; Latina; Bari; Benevento; Brindisi; Cagliari; Caserta; Catanzaro; Cosenza; Lecce; Napoli; Oristano; Ragusa; Salerno; Sassari; Taranto)

Zona climatica D: dal 1 novembre al 15 aprile, per 12 ore al giorno (Genova; La Spezia; Savona; Forlì; Ancona; Ascoli Piceno; Firenze; Grosseto; Livorno; Lucca; Macerata; Massa C.; Pesaro; Pisa; Pistoia; Prato; Roma; Siena; Terni; Viterbo; Avellino; Caltanissetta; Chieti; Foggia; Isernia; Matera; Nuoro; Pescara; Teramo; Vibo Valentia

Zona climatica E: dal 15 ottobre al 15 aprile per 14 ore al giorno (province di Alessandria; Aosta; Asti; Bergamo; Biella; Brescia; Como; Cremona; Lecco; Lodi; Milano; Novara; Padova; Pavia; Sondrio; Torino; Varese; Verbania; Vercelli; Bologna; Bolzano; Ferrara; Gorizia; Modena; Parma; Piacenza; Pordenone; Ravenna; Reggio Emilia; Rimini; Rovigo; Treviso; Trieste; Udine; Venezia; Verona; Vicenza; Arezzo; Perugia; Frosinone; Rieti; Campobasso; Enna; L'Aquila e Potenza)

Zona climatica F: non ci sono limitazioni di tempo né orario (province di Cuneo, Belluno e Trento) 

Per legge non è possibile superare i 20 gradi centigradi, ma sono previsti due gradi di tolleranza all'interno delle abitazioni, delle scuole e degli uffici. Per gli impianti di riscaldamento autonomi non esiste nessun tipo di restrizione, quindi possono essere azionati in qualunque momento e secondo le varie esigenze. Chi invece abita in edifici dotati di impianti di riscaldamento centralizzati dovrà attenersi alle date stabilite dalle Regioni e che variano a seconda della zona climatica di riferimento.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Va detto che in casi di ondate di freddo eccezionali i sindaci possono emanare un'ordinanza per l'accensione anticipata (o lo spegnimento posticipato) degli impianti di riscaldamento, causato dalle condizioni meteo eccezionali.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Né albergo né b&b, i palermitani scelgono le case vacanze: come affittarne una

  • Un giardino super smart con un click, illuminazione e irrigazione passano dalla domotica

Torna su
PalermoToday è in caricamento