rotate-mobile
Domenica, 28 Novembre 2021
Vendita e Affitto

Tanti soci per un'unica casa: come acquistare un immobile in cooperativa tra pro e contro

Per creare la cooperativa bisogna avere un progetto edilizio già presentato e approvato che poi verrà dato in appalto a un'impresa edile. Come tutti gli immobili, anche quelli in cooperativa hanno dei vantaggi e degli svantaggi da prendere in esame prima di acquistarne uno

Comprare casa è un passo importante, bisogna prendere in considerazione le dimensioni, la posizione, se preferiamo un appartamento chiavi in mano o affrontare una ristrutturazione piena di imprevisti. In ogni caso è una decisione che deve essere presa con attenzione. Accanto alle classiche soluzioni, possiamo anche prendere in considerazione la possibilità di acquistare una casa in cooperativa edilizia che consiste in un insieme di persone (soci), che possono diventare proprietari dell’immobile. Per creare la cooperativa bisogna avere un progetto edilizio già presentato e approvato che poi verrà dato in appalto ad un’impresa edile. Come tutti gli immobili, anche quelli in cooperativa hanno dei vantaggi e degli svantaggi da prendere in esame prima di acquistarne uno.

Le tipologie di cooperative

Quando si compra casa con una cooperativa, bisogna subito sapere che esistono due tipologie:

  • A società individuale o divisa: è la forma più diffusa, in questo caso quando la costruzione è terminata, ogni socio riceve l’immobile, ha il titolo di proprietario e la cooperativa viene sciolta per poi formare un condominio
  • A società indivisa: con questa soluzione, una volta terminati i lavori, i soci hanno solo la possibilità di poter utilizzare l’immobile, vuol dire che non hanno il titolo di proprietari, ma soltanto di assegnatari in godimento della casa. Il socio deve versare una quota iniziale, a cui successivamente possono essere aggiunti altri importi in caso di necessità per pagare il mutuo. Trascorso un determinato periodo, la casa torna a far parte della cooperativa e il socio che è in regola con i versamenti, può stipulare il rogito e diventare proprietario. Una volta firmato, sarà obbligato a versare un canone di godimento, la cui cifra viene stabilita nel regolamento della cooperativa

Come diventare socio di una cooperativa

Per diventare socio di una cooperativa bisogna avere dei requisiti ben precisi:

  • Lavorare o avere la residenza nel comune in cui l’immobile sarà costruito
  • Non bisogna essere proprietari di un’altra abitazione
  • Il reddito non deve superare una certa soglia (stabilita dalla cooperativa)

Se abbiamo questi requisiti, possiamo stipulare l’atto di prenotazione. Solo quando i lavori saranno terminati, si avrà un verbale di consegna e l’atto di assegnazione davanti al notaio prima di ricevere l’immobile.

I vantaggi di una casa in cooperativa

Quando si acquista una casa in cooperativa ci sono dei vantaggi come ad esempio quello economico. Diventare socio vuol dire accedere a mutui agevolati e avere un’abitazione ad un prezzo più basso rispetto a quelli di mercato, perché il costo dell’immobile non può superare una soglia stabilita dal comitato per l’edilizia residenziale. Inoltre, i soci che partecipano alla costruzione risparmiano i passaggi intermedi. Infine, se si aderisce ad una cooperativa indivisa i canoni d’affitto sono molto bassi.

Gli svantaggi di una casa in cooperativa

Nonostante ci siano dei vantaggi, acquistare una casa in cooperativa può avere anche degli svantaggi. Ad esempio se l’acquirente è anche socio dell’impresa edile, si assume tutti i rischi legati alla costruzione di un immobile. Solitamente le case hanno prezzi differenti in base ad una serie di fattori come il piano o l’esposizione, mentre in una cooperativa questo non avviene. Inoltre, può capitare che chi entra a far parte della cooperativa per primo, può avere un appartamento migliore, pagandolo allo stesso prezzo degli altri soci. Tra l’altro, entrare a far parte di una cooperativa vuol dire anche non avere subito a disposizione l’appartamento, ma aspettare la sua costruzione prima di poterne usufruire.

Come proteggersi da eventuali rischi

Quando si decide di entrare a far parte di una cooperativa, bisogna informarsi e affidarsi ad una società seria, infatti deve essere iscritta alle associazioni di categoria e all’albo nazionale delle cooperative edilizie. Oltre a rivolgersi a un notaio che accerterà la regolarità dei documenti, dobbiamo verificare che l’impresa obbligatoriamente stipuli una polizza assicurativa di dieci anni contro eventuali vizi costruttivi o fallimento dell’impresa di costruzione.

Prodotti online

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tanti soci per un'unica casa: come acquistare un immobile in cooperativa tra pro e contro

PalermoToday è in caricamento