Giardino

Muffa, nemico silenzioso sempre in agguato: come rimuoverla dai mobili da giardino

Rimuovere la muffa dagli arredi esterni in modo naturale non è affatto complicato. Il risultato sarà stupefacente grazie a semplici ingredienti

La muffa è un nemico silenzioso e inesorabile della casa, ma anche degli esterni. Spesso si pensa a queste macchie dal colore inconfondibile come una prerogativa di pareti e soffitti, in realtà bisogna prestare la massima attenzione anche al giardino. Cosa può essere in pericolo all’aria aperta per colpa della muffa? I mobili possono essere rovinati se non tenuti sotto controllo: non sono poche le persone che se ne sbarazzano, pensando non ci sia alcun rimedio, però rimuovere la muffa dagli arredi esterni non è affatto complicato. Il risultato sarà stupefacente grazie a semplici ingredienti ed i mobili torneranno come nuovi.

La prevenzione viene prima di tutto

Prevenire è meglio che curare, come diceva un vecchio spot: questo vale anche per gli arredi da esterno da sfoggiare con orgoglio in estate. Per evitare che la muffa faccia danni irreparabili, è meglio prepararsi per tempo, già in inverno ad esempio. Quando questi mobili non vengono utilizzati, dovrebbero essere sistemati in un luogo che non sia buio, caldo ed umido, proprio le condizioni ideali in cui l’organismo si sviluppa e prolifera. Tra l’altro, la muffa risulta pericolosa anche per la nostra saluta, dunque sarebbe opportuno sempre asciugarla con grande attenzione, altrimenti qualsiasi pulizia sarebbe inutile.

Rimuovere la muffa dagli arredi esterni di legno

Di solito vengono in mente i detersivi con cui normalmente si lavano i piatti per rimuovere la muffa dai mobili in legno da esterno. In realtà è una scelta sbagliata, anzi un errore molto grave. Questi detersivi, infatti, possono aggredire il legno, fino a danneggiarlo completamente e a fargli perdere il colore. Sarebbe quindi preferibile puntare su prodotti naturali: gli ingredienti perfetti per realizzarli in casa sono:

  • Mezza tazza di ammoniaca
  • Una tazza di aceto
  • Mezza tazza di bicarbonato di sodio
  • Un litro e mezzo d’acqua

Nel liquido vanno mescolati e diluiti tutti questi elementi, poi basterà utilizzare un panno morbido oppure una spugna non abrasiva. L’aceto bianco, inoltre, può tornare utile per eliminare le tracce più resistenti di muffa.

Gli arredi da esterno in vimini

Nel caso i mobili da giardino non siano realizzati in legno, ma vimini, non ci si deve preoccupare. Il procedimento da seguire è lo stesso e la muffa si potrà rimuovere senza problemi. La spugna e il panno, in questo caso, possono risultare insufficienti per raggiungere gli angoli più difficili e ostinati, ma si rimedia facilmente con un tubo d’acqua dal getto molto potente. 

Le superfici in metallo e i cuscini

Può capitare che alcuni arredi da esterno abbiano delle parti in metallo, nello specifico le superfici. Per rimuove la muffa non si deve far altro che usare un detergente neutro, per poi strofinare con grande cautela per non rovinare queste parti del mobile. Come comportarsi invece con i cuscini? Le macchie possono aggredire anche i cuscini che di solito completano l’arredo, ecco perché andrebbero puliti con un po’ di candeggina (una tazza insieme a un litro d’acqua) per eliminare qualsiasi residuo e non mettere a rischio la salute delle persone che poi li useranno. 

Prodotti online

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Muffa, nemico silenzioso sempre in agguato: come rimuoverla dai mobili da giardino

PalermoToday è in caricamento