Dieci consigli per risparmiare sul condizionatore

Il decalogo permetterebbe ad una famiglia di tre persone che vive in un appartamento con un consumo medio annuo di 15mila kwh e una spesa di 1.500 euro, di risparmiare 10 kwh al giorno, equivalenti a circa 400 euro

Il grande caldo è arrivato e non abbandonerà l'Italia per le prossime settimane. Per trovare un po' di refrigerio saranno tanti i cittadini che in questi giorni accenderanno l'aria condizionata sprecando quindi energia. Ecco 10 consigli da mettere in pratica quotidianamente per tagliare i consumi del 20% l'anno.

1) Usare il condizionatore in modalità deumidificazione. Tale funzione consente al condizionatore di lavorare di meno e di rimuovere l'umidità, che è uno dei componenti dell'indice di calore percepito, senza necessariamente dovere abbassare la temperatura: in questo modo si possono abbattere del 75% i consumi del condizionatore.

2) Alternare il condizionatore con il ventilatore. L'aria condizionata, essendo particolarmente energivora, è una soluzione poco sostenibile sia dal punto di vista economico che da quello ambientale: è quindi preferibile alternarla con un ventilatore che consente di consumare circa 15 volte meno.

3) Mantenere fresca la casa chiudendo le finestre nelle ore più calde e montando tende nei balconi.

4) Evitare di accendere le luci.

5) Fare la doccia nelle ore meno calde in modo da evitare che i vapori producano un aumento dell'umidità e quindi della percezione di calore.

6) Lavare il bucato a 30 gradi. Il 90% dell'energia elettrica consumata da una lavatrice viene usata per scaldare l'acqua.

7) Staccare le spine di alimentazione. Televisori, lettori Dvd, carica batterie e in generale tutti gli apparecchi in stand-by sono grandi consumatori di energia elettrica.

8) Optare per elettrodomestici ad alta efficienza.

9) Posizionare adeguatamente gli apparecchi elettrici. Un frigorifero, ad esempio, consuma fino a un 8% in più se posizionato vicino ai fornelli.

10) Spegnere forno e fornelli in anticipo, prima del termine della cottura dei cibi, lasciando che il calore residuo completi la cottura.

Quanto si risparmia. Secondo le stime dell'azienda questi accorgimenti permetterebbero ad una famiglia di 3 persone che vive in un appartamento con un consumo medio annuo di 15.000 kwh e una spesa di 1.500 euro, di risparmiare 10 kwh al giorno, equivalenti a circa 400 euro. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Revisione della caldaia tra sicurezza e manutenzione, obbligo per tutti i palermitani

  • Bonus facciata 2020, agevolazioni fiscali per i palermitani che ristrutturano il palazzo

  • Inverno e freddo, da quando accedere i riscaldamenti a Palermo (e per quante ore)

  • Inverno alle porte, riscaldamenti in arrivo: come pulire i termosifoni prima di accenderli

  • Toc toc, ecco l'inverno a Palermo: come conservare attrezzi e arredi da giardino

Torna su
PalermoToday è in caricamento