Stinco di Maiale al forno

un secondo di carne gustosissimo e facile da preparare. Questa ricetta fa parte della cucina denominata "povera" ma, di fatto, costituisce uno dei piatti più succulenti della tradizione italiana

Rieccomi con una preparazione che mi regala, sempre, grandi soddisfazioni: io stinco di maiale al forno. E' un piatto gustosissimo, coreografico e di sicura riuscita. La ricetta me l'ha data il Signor Baggesi, il proprietario del ristorante che amiamo moltissimo: Il Romitaggio, a Castelbuono, provincia di Palermo. L'avevamo mangiato lì, deliziandoci con questi gusti fantastici e casalinghi e ho chiesto la ricetta al proprietario. Questi è una persona estremamente generosa e gentile che non fa mistero dei suoi saperi , ma li metti a disposizione degli altri. Quindi, con le sue "dritte" ho realizzato questo magnifico piatto.

Ho aggiunto un mix di spezie sopraffino: Pesteda-Vis. Si tratta di un tipico insaporitore valtellinese a base di sale, pepe, aglio, achillea nana, timo e ginepro. Insomma, una panacea per profumare qualsiasi piatto!

Questa ricetta e tante altre nel mio blog "Pasticci & Pasticcini di Mimma"                   https://pasticciepasticcini-mimma.blogspot.it/

Ingredienti per 4 persone:

- 4 stinchi di maiale
- 2 cipolle
- 3 carote
- 3 coste di sedano
- 4 foglie d'alloro
- 10 bacche di ginepro
- 4 chiodi di garofano
- 1 rametto di salvia fresca o foglie secche
- 1 rametto di rosmarino fresco o foglie secche
- 2 bicchieri di vino bianco
- 1 bicchiere di olio d'oliva
- 1 cucchiaino di peperoncino macinato
- 2 cucchiai di  PESTEDA - VIS
- sale q.b.

Procedimento:

- rosolare gli stinchi in una padella con olio d'oliva
- salalre e mettere da parte
- preparare un battuto con tutte le verdure e gli aromi e rosolarlo , per 10 minuti, in una padella con olio d'oliva
- disporre gli stinchi in una teglia, coprire con le verdure rosolate e il Pesteda- Vis  e versare il vino
- aggiungere 2 bicchieri d'acqua e  cuocere in forno a 200° per circa 4 ore, controllando e rigirando gli stinchi e aggiungendo acqua bollente , qualora sia necessario
- durante la cottura evitare di "pungere" la carne con i rebbi della forchetta, usare delle molle e delle palette
- a cottura ultimata la carne si presenterà morbidissima e con un sughetto saporitissimo
- servire con contorni misti

Si parla di
PalermoToday è in caricamento