Polpetti "affogati" nel coccio

Un secondo di pesce, del nostro Mediterraneo, sfizioso e prelibato. La cottura nel coccio mantiene tutti i sapori inalterati e il profumo del mare

Eccomi con una ricetta semplice, antica, della tradizione gastronomica palermitana ma credo che sia comune anche al resto d'Italia: "Polpetti affogati in coccio". Basta trovare dei polpetti freschissimi, avere un coccio.... E il gioco è fatto! Una pietanza magnifica, leggera e succulenta allo stesso tempo. Insomma: una goduria. La ricetta originaria prevede l'aggiunta di olive nere ma io non le metto perchè voglio sentire tutto il sapore del mare. Potrete cucinarli anche in una pentola d'acciaio, ma nel coccio vengono più buoni.

Piatto in ceramica decorato La Fabbrica della Ceramica Susanna De Simone

Pentole di coccio F.lli Coli'

Ingredienti per 4 persone:

- 1 kg di polpetti eviscerati
- 1\2 kg di pomodorini privati dei semi e spezzettati
- 2 cucchiai di prezzemolo fresco
- 2 spicchi d'aglio tritati
- 1\2 bicchiere di olio d'oliva
- 1 cucchiaino di peperoncino tritato
- 1\2 bicchiere di vino bianco

Procedimento:

- nel coccio versare l'olio d'oliva, il prezzemolo, l'aglio e il peperoncino e lasciare soffriggere a fuoco bassissimo per qualche minuto
- aggiungere i polpetti puliti , rosolare, salare q.b e sfumare con mezzo bicchiere di vino bianco
- aggiungere i pomodorini privati dei semi e a pezzetti
- mescolare e incoperchiare lasciando cuocere, a fuoco bassissimo, per 20 minuti
- qualora il sughetto risulti troppo abbondante fare restringere, a fuoco medio, per qualche minuto
- servire con fette di pane tostato

Si parla di

Polpetti "affogati" nel coccio

PalermoToday è in caricamento