Domenica, 24 Ottobre 2021

Mostarda di mosto di uva nera: ricetta e preparazione

Un dolce antichissime della nostra tradizione popolare che veniva preparato durante la vendemmia

La Mostarda di mosto è un dolce antichissimo. Durante la vendemmia, quando si pigiavano i grappoli nei tini, una piccola parte del mosto ottenuto veniva bollita sul fuoco. In questo modo si interrompeva la fermentazione e si restringeva un po' il liquido. Poi, in una larga pentola veniva aggiunto al mosto filtrato e ristretto, un po' di cenere, per togliere quel poco di aspro, tipico dell'uva si rimetteva sul fuoco, mescolando, per addensarsi e diventare gelatina.

Il composto ottenuto veniva arricchito con mandorle tostate, scorza di arancia grattugiata, cannella, vaniglia e versata in piccoli contenitori. La superficie veniva cosparsa di cioccolata fondente tritata a coltello, cannella abbondante e mandorle tritate. Il risultato è un sontuoso e profumatissimo dolce al cucchiaio che, in un sol boccone, racchiude tutti i profumi dell'autunno, della Terra, dell'uva appena vendemmiata. 

Io ho conosciuto questa preparazione grazie al mio Doppio che, come sapete è messinese e questo dolce lo prepara mia suocera che mi ha svelato tutti i suoi segreti. Naturalmente non dispongo della cenere di legna e quindi, per addensare il mosto , ho utilizzato l'amido di grano, come per una qualsiasi crema. 

Questo e tanto altro nel mio blog : Pasticci & Pasticcini di Mimma 

Ingredienti per 6 persone:
 - 1 l. di mosto d'uva 
 - 100 gr. amido per dolci
 - 100 gr. zucchero 
 - 1 bustina vanillina 
 - 2 cucchiai cannella macinata 
 - 100 gr. cioccolata fondente tritata grossolanamente 
 - 200 gr. di mandorle tostate tritate grossolanamente 
 - 2 arance, la scorza grattugiata 

 Procedimento: 
 - filtrare il mosto con una garza e versarlo in una larga pentola 
 - In una tazza mettere l'amido e mescolarlo con qualche cucchiaiata di mosto fino ad ottenere una pastella fluida e senza grumi 
 - Aggiungere l'amido e lo zucchero al mosto in pentola e cuocere, a fuoco moderato e mescolando, sino a che si addensa 
 - Togliere dal fuoco e aggiungere la vaniglia, 1 cucchiaio di cannella, metà delle mandorle tritate, la scorza delle arance e mescolare bene 
 - versare la mostarda in una pirofila oppure in varie formine (una volta fredda si sformerà perfettamente) e cospargerla con abbondanti mandorle tritate, cioccolata, cannella 
 - riporre in frigo sino al momento del consumo
 

Si parla di

Mostarda di mosto di uva nera: ricetta e preparazione

PalermoToday è in caricamento