Maggio o dicembre? Arriva ondata di freddo, calano le temperature

Veloce e notevole calo termico in quota: possibili brevi nevicate sulle Madonie

Come scritto nel nostro ultimo editoriale, anche oggi sono arrivati nuovi rovesci sparsi, ma l'attenzione si è incentrata sul (breve) peggioramento attesto stanotte, che concluderà di fatto questa fase perturbata. Adesso, vediamo nel dettaglio la particolare dinamica attesa, alla luce degli ultimi aggiornamenti e del sat.

Un nucleo decisamente (per il periodo) freddo in quota sta scivolando sul Tirreno, a est della Sardegna e dopo aver già portato neve a quote sorprendenti tra Corsica ed Emilia Romagna. Tale minimo è atteso in spostamento a ridosso delle coste della Sicilia: qui, interagendo con un flusso di correnti più miti, dalla tarda sera o prima nottata si accenderanno i contrasti, con lo sviluppo di rovesci e temporali in rapida estensione dal trapanese a tutti gli altri settori.

Per avere le previsioni dettagliate città per città: Meteopalermo

Saranno possibili fenomeni intensi, anche grandinate, con accumuli localmente abbondanti. Le aree potenzialmente più coinvolte dovrebbero essere quelle centrali (anche madonite) e successivamente ioniche, con un passaggio più veloce tra trapanese e palermitano; tuttavia bisognerà seguire l'evoluzione.

L'aspetto più sorprendente è rappresentato dal fatto che il peggioramento sarà accompagnato da un veloce ma notevole calo termico in quota: durante la notte o al primissimo mattino, con precipitazioni la quota neve potrebbe crollare, regalando delle brevi nevicate sulle Madonie addirittura a partire dai 1400-1500 metri!

Le schiarite dovrebbero iniziare velocemente nel corso della mattinata a partire da ovest, mentre fino a tutta la mattina potrebbero verificarsi forti precipitazioni su aree centro-orientali. Infine, dopo il freddo notturno, le temperature risaliranno rapidamente da metà giornata tornando sui valori odierni, ma con massime più basse.
 

Non può piovere per sempre

Nasce come spazio per diffondere la meteorologia, scienza assai complessa ed ancora inesatta, in modo semplice, chiaro e conciso. Questo il compito che spetta a Nicola Sacco, imprenditore agricolo nella vita che, da oltre 20 anni, è un appassionato di meteorologia e che nel 2006 ha creato l'Associazione MeteoPalermo, ora onlus. L'Associazione studia il clima palermitano anche grazie alle numerose stazioni sparpagliate in città ed in provincia e grazie alla passione che quotidianamente mette nel gestire il sito meteopalermo.com con previsioni ed approfondimenti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Torna su
PalermoToday è in caricamento