Il freddo avvolge Palermo, in arrivo pioggia e grandine: diramata allerta meteo gialla

Seconda ondata artica di gennaio: un nuovo peggioramento è atteso da stasera e fino alla prima parte di domani (sabato 12 gennaio). Temperature pungenti, nella notte si arriverà fino a 4°.

La seconda ondata artica di gennaio si avvia verso una fase più dinamica seppur di breve durata. Come già scritto in precedenza, l’ondata è iniziata nella mattinata di giovedì con una parentesi instabile e nevosa fino ai 700 metri circa sui principali rilievi, e nuovi accumuli oltre i 1000 metri, sottolineando al contempo che tra il pomeriggio di giovedì e la giornata odierna (venerdì) le precipitazioni sarebbero risultate assai blande, a causa di una circolazione occidentale che ha lasciato la regione in ombra pluviometrica. Nonostante ciò, il freddo persiste in quota (con isoterme di -1/2°C a 1450 metri) e al suolo, dove la giornata risulta rigida. Un nuovo peggioramento è da attendersi dalla sera e fino alla prima parte di mattinata di sabato. E infatti la Protezione Civile Regionale ha diffuso un aggiornamento delle previsioni meteo con un allerta meteo gialla fino alla mezzanotte del 12 gennaio per rischio idrogeologico.

L'avviso dell'allerta meteo gialla

Le immagini satellitari ci aiutano a capire la situazione: un minimo depressionario principale si forma in alto Ionio, richiamando aria più fredda (isoterme fino a -3°C sulla Sicilia settentrionale a 1450 metri circa) in discesa dalle regioni adriatiche, e favorendo l’arrivo di un nucleo molto instabile a 500hPa (fino a -35°C nella notte). Tale nucleo è attivo al momento sul Tirreno tra Sicilia e Sardegna, evidenziato dall’attività convettiva con cumulonembi forieri di temporali: fino ad ora, però, le precipitazioni non sono arrivate sulla regione per via dell’azione di un secondo vortice depressionario sul Tirreno, che causa una rotazione ciclonica degli ammassi nuvolosi, spingendo la parte attiva del sistema verso la Tunisia. Perché dunque la situazione cambierà dalla sera? La risposta arriva dal movimento del suddetto vortice, che traslando verso est favorirà una graduale rotazione delle correnti in quota da nord-ovest prima e solo nella notte da nord: solo in questo frangente, l’instabilità presente attorno al nucleo potrà coinvolgere la Sicilia settentrionale. Rispetto a quanto previsto inizialmente dalle emissioni modellistiche, la fase instabile risulterà probabilmente ridotta, dal momento che il “clou” precipitativo si collocherà tra la notte e le prime ore del mattino. Vediamo allora in dettaglio cosa attenderci nelle prossime ore.

Potete trovare altre informazioni, curiosità o dati live su: www.meteopalermo.com

Venerdì sera: entro la prima serata, saranno possibili i primi rovesci (anche grandinigeni) tra trapanese e palermitano, con correnti ancora occidentali o nord-occidentali. Probabilmente, solo dalla tarda-sera ma soprattutto in nottata, si assisterà a un deciso cambio di correnti, con l’arrivo di rovesci e anche temporali direttamente dal Tirreno, con annessi fenomeni grandinigeni o gragnolate sulle coste tirreniche. Nella notte, in “pole” trapanese, palermitano tirrenico e zone interne tra palermitano e agrigentino, con nevicate oltre i 5-600 metri, in calo però fino a 3-400 metri in caso di forti fenomeni! Attenzione perché la particolare estrazione dell’aria potrebbe spingere velocemente i fiocchi a quote molto basse. 

meteo 11 gennaio-2

Nella mattina di sabato, i rovesci dovrebbero tendere a divenire più sparsi su palermitano e settori occidentali, con fiocchi oltre i 4-500 metri. Dalla tarda mattinata i fenomeni tenderanno gradualmente ad attenuarsi ovunque, residuando nevicate sui settori interni madoniti e nebroidei fino al primo pomeriggio. Migliora ovunque entro sera. Temperature pungenti, nella notte odierna fino +4-5°C sulle coste interessate da forti fenomeni, massime attorno ai +10/11°C domani. Sabato, venti tesi di tramontana e poi di Maestrale specie sulle zone interne contribuiranno ad acuire la sensazione di freddo.

Domenica la giornata inizierà con cielo parzialmente nuvoloso o nuvoloso, peggioramento dal pomeriggio a partire da ovest con possibili piogge. Quota neve in sensibile aumento che si attesterà attorno i 1000 metri circa. In serata ancora possibili precipitazioni, più incisive sul settore orientale della provincia. Quota neve in ulteriore risalita a circa 1200 metri. Temperature: ancora freddo intenso al mattino, massime in lieve  aumento che arriveranno a circa +13°C. Ventilazione moderata, a tratti sostenuta, da Maestrale. Mare ancora mosso.
 

 
 

Non può piovere per sempre

Nasce come spazio per diffondere la meteorologia, scienza assai complessa ed ancora inesatta, in modo semplice, chiaro e conciso. Questo il compito che spetta a Nicola Sacco, imprenditore agricolo nella vita che, da oltre 20 anni, è un appassionato di meteorologia e che nel 2006 ha creato l'Associazione MeteoPalermo, ora onlus. L'Associazione studia il clima palermitano anche grazie alle numerose stazioni sparpagliate in città ed in provincia e grazie alla passione che quotidianamente mette nel gestire il sito meteopalermo.com con previsioni ed approfondimenti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Torna su
PalermoToday è in caricamento