Sabato, 24 Luglio 2021

Festa delle famiglie e dell'integrazione alla scuola Valdese

Una giornata a cui hanno aderito associazioni e movimenti che si battono in maniera differente per i diritti degli esseri umani e la difesa della loro dignità

Dalla strada si sentono le voci di bambini che si rincorrono e ridono a squarciagola, la musica in sottofondo in un giardino che ti sorprende perché nasce alle spalle di un anonimo palazzo di mattoni rossi, e poi piccole mani che si cercano e si intrecciano per raggiungere il prossimo gioco, ‘battipanni liberi tutti’ e ‘giochiamo a nascondino’, sorrisi scambiati come ‘benvenuto’ e ‘piacere di conoscerti’ così che nessuno sembra essere sconosciuto all’altro, e colori di pelle e sulla pelle che si mescolano e si riconoscono in un unico linguaggio: questa è la ‘Festa delle famiglie’ organizzata dalla scuola Valdese e dal centro diaconale ‘La Noce’, la settima edizione come si legge su un volantino.

Un titolo che oggi potrebbe trarre in inganno e farci pensare a una di quelle manifestazioni in cui si sottolinea come la ‘famiglia’ sia un concetto che abbia a che fare con l’orientamento sessuale e con diritti che non sono per tutti, come se l’amore davvero potesse conoscere queste restrizioni. Quel titolo, invece, nasconde la sorpresa di una rappresentazione di ciò che la famiglia è oggi, un nucleo composto da persone che si amano e ne fanno parte, senza confini, ma con linguaggi sconfinati e declinazioni: «Amore che non è in grado di discriminare» disse in una sua lettera aperta il premio Nobel Dario Fo, in merito all’infelice spot di un noto marchio italiano.

Una festa aperta a tutti, con tutte le etnie che fanno grande Palermo e l’Italia tutta; una giornata a cui hanno aderito associazioni e movimenti che si battono in maniera differente per i diritti degli esseri umani e la difesa della loro dignità, spazio in cui sono veicolati messaggi differenti, che non hanno a che fare solo con l’integrazione e l’accoglienza, ma anche con la conoscenza e la memoria, quella che così labile ogni giorno lasciamo scivolare via: «la festa – si legge nel post di invito all’evento pubblicato su Facebook – sarà dedicata alle grandi battaglie delle donne italiane e del femminismo per la conquista di alcuni diritti fondamentali, ma anche alla riflessione sulle differenze, a partire da quella primordiale, la differenza di genere. Riteniamo che esse non vadano omogeneizzate, ma piuttosto valorizzate e messe nelle condizioni di esprimersi alla pari. Una visione che potrà favorire una maggiore consapevolezza sull’importanza di saper rispettare gli spazi ed il senso di libertà di ciascuna e di ciascuno, al fine di conquistare una posizione culturale ed affettiva più armonica, fondata sulla condivisione e sulla corresponsabilità». Buona famiglia a tutti, sperando che sia un monito per l’Italia di domani.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Si parla di

Festa delle famiglie e dell'integrazione alla scuola Valdese

PalermoToday è in caricamento