rotate-mobile
AMARCORD1983

AMARCORD1983

A cura di Alessandro Bisconti e Francesco Sicilia

Juventus, Milan, Cska Mosca: quel Capodanno coi russi a Palermo

“Che cosa è un triangolare di 45 minuti? Mai sentito”. Cosa ci fanno Roberto Baggio, Franco Baresi e un’accozzaglia di russi in viale del Fante, a poche ore dalla notte di San Silvestro? Sono tante le domande che si rincorrono in una sera palermitana di 31 anni fa. Ore 20: Italia Uno mostra alla nazione un modo nuovo di rendere più amichevoli le amichevoli. Milan, Juventus e Cska Mosca. No, non è una notte qualunque. Anche se, sulla carta, in palio c’è solo il torneo “Amaro Lucano”. Tre squadre invece di due, sostituzioni a tempesta, soldi, spettacolo. E tifosi. Tanti. Anche se Schillaci non c’è. E già questa è una notizia, visto che il battesimo di questi strani triangolari che di lì a poco asseteranno le nostri estati senza calcio “vero”, avviene a Palermo.

Altro che cinepanettoni. La Favorita accende i riflettori in una fredda notte di fine 1991. E' il 28 dicembre. Tre giorni dopo Francesco Cossiga parlerà per l’ultima volta alla nazione, a rete unificate. E mentre il mondo cambia, con Eltsin e Gorbaciov pronti alla staffetta, in viale del Fante sbarcano i russi del Cska Mosca. Con loro sfilano anche le big del nostro campionato. Tutte insieme, tutte in una volta, con titolari e riserve al seguito, per la felicità del cassiere della Favorita, abituato a ben altro. Tre partite di 45′ ciascuna. Stadio pieno per celebrare il primo (e unico) Torneo di Capodanno.

Milan e Juventus, al giro di boa del campionato, sono incollate in testa. Non vincono lo scudetto da qualche anno. E prima di arrivare a Palermo stringono un patto: una collaborazione destinata a durare per tanti anni, il primo passo è quello delle amichevoli. Il Milan in quella stagione non fa le coppe dopo lo scandalo di Marsiglia e imbottisce la sua stagione di partite infrasettimanali, anche perché Capello ha appena inventato un nuovo modo di gestire le rose: il turn over. Sarà anche per questo che i rossoneri vincono tutte e due le partite palermitane.

La Favorita schiuma entusiasmo. I 35 mila spingono Milan e Juventus. Senza vergogna. L’aggettivo “facciuolo” resta chiuso nel cassetto, insieme alle sciarpe del Palermo. Il protagonista è uno solo: Marco Van Basten. Segna in tutte e due le sfide. Ha 27 anni ed è il padrone del mondo: in realtà sta per entrare nell’ultimo anno della carriera. L’epilogo sembra un copione già visto. La maglia fuori dai pantaloncini, la fascia ferma al braccio sinistro: così Franco Baresi alza al cielo la coppa “Amaro Lucano”. Anche se dalla vita ha voluto e (avuto) di più.

LEGGI LE ALTRE STORIE DI AMARCORD CLICCANDO QUESTO LINK

SEGUICI SU FACEBOOK CLICCANDO QUESTO LINK

Si parla di

Juventus, Milan, Cska Mosca: quel Capodanno coi russi a Palermo

PalermoToday è in caricamento