AMARCORD1983

AMARCORD1983

L'omicidio dimenticato di Angelo: ucciso a coltellate a 11 anni

In un altro 23 gennaio (del 1990), 28 anni fa esatti, il ritrovamento del bambino ammazzato a Sciara, nelle Madonie, per una storia di piccoli furti

Sciara vista dall'alto

Angelo ha 11 anni. Lo descivono come un bimbo vivace e allegro. E' scomparso da due giorni. Il 23 gennaio 1990 - 28 anni fa esatti - arriva la tragica notizia. A fare la macabra scoperta è un pastore che era andato in campagna per cercare quattro pecore che si erano allontanate dal gregge. E' un cane a indirizzarlo verso Angelo. Abbaia, forse riconosce l'odore. E trova il bambino. Angelo è morto: ha il corpicino martoriato da ferite da arma da taglio. E' un martedì, come oggi. Siamo a Sciara, minuscolo paese delle Madonie. Il pastore schizza verso la caserma dei carabinieri e lascia il cane a guardia del corpicino di Angelo ormai privo di vita. Il bambino ha il volto ridotto a una maschera di sangue, la gola tagliata, il torace e gli arti sfregiati. 

Gli inquirenti trovano un coltellino, pulito, senza una goccia di sangue, sotto il cadavere. Per tutta la notte, nella caserma di Sciara, i carabinieri interrogano un altro ragazzino. E’ lui l’ultimo che ha visto Angelo vivo. Si pensa che il piccolo sia rimasto ucciso al culmine di un duello tra bambini.

Angelo viveva con la madre. Era orfano di padre, un operaio dello stabilimento Fiat di Termini Imerese, morto per un infarto, quando lui aveva appena 3 anni. Era uscito da casa dopo pranzo in quello che sembrava un normalissimo martedì pomeriggio. Poi l'allarme. Per tutta la notte, nella caserma dei carabinieri, sfilano gli amici di Angelo. Partono le indagini, arrivano le prime conferme. Si dice che Angelo sia stato ucciso durante un regolamento di conti tra bambini. Forse per una storia legata a piccoli furti. Si parla di due pecore rubate. Ma la storia resta misteriosa. Perché si pensa che anche qualche adulto sia coinvolto nell'omicidio. E il sospetto è che Angelo abbia visto qualcosa che non avrebbe "dovuto vedere".

Altri due uomini in seguito vengono accusati del delitto, ma non essendoci prove vengono assolti quasi subito. I pochi che avevano testimoniato, infatti, decidono di ritrattare. La madre di Angelo accusa i suoi compaesani di mancanza di solidarietà. Così decide di trasferirsi in Germania, con la figlia più piccola. Resta la verità stabilita dal medico. Angelo è stato ucciso con due colpi mortali: una coltellata al collo e l'altra al torace. Una crudeltà inaudita. Dopo l'omicidio il cadavere viene seppellito sotto un cespuglio. Poi Angelo diventa un angelo per sempre.

LEGGI LE ALTRE STORIE DI AMARCORD CLICCANDO QUESTO LINK

SEGUICI SU FACEBOOK CLICCANDO QUESTO LINK

AMARCORD1983

Alessandro e Francesco. Già uniti dal destino alla nascita, ci siamo affacciati a questo mondo a sei mesi esatti di distanza l'uno dall'altro. In quel 1983 che diede alla luce tanti frutti di amori nati durante il Mundial di Spagna. Si narra che uno di noi due sia stato concepito dopo Italia-Brasile 3-2, in compenso l'altro è nato il giorno di Trabzonspor-Inter 1-0. Al trionfo del Bernabeu del 1982 rendiamo omaggio nella testata del nostro blog con la mitica partita a scopone in aereo tra Zoff, Causio, Bearzot e Pertini. E la coppa sul tavolo. Di Trabzonspor-Inter 1-0, non abbiamo trovato foto. Amanti delle date, delle statistiche e delle coincidenze. Ma soprattutto innamorati dell'amarcord. In questo spazio ne racconteremo parecchi, provenienti dal pianeta sport e non solo

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (3)

  • ci vorrebbe la calce viva per l'animale che ha fatto questo a un bimbo! Si deve avere fiducia nella giustizia prima o poi la verità viene sempre a galla! speriamo che l'autore di un così selvaggio delitto ricevi una giusta condanna a vita!

  • Storie di arretratezza e degrado.

  • Avatar anonimo di Senzapaura
    Senzapaura

    Purtroppo non ci sono parole. Che dio ti possa tenere accanto a se per l'eternità, piccolo Angelo.  

Torna su
PalermoToday è in caricamento