rotate-mobile
AMARCORD1983

Opinioni

AMARCORD1983

A cura di Alessandro Bisconti e Francesco Sicilia

Vedi Napoli e poi piove: il Palermo e il buon vento a Benevento

Nubifragio al San Paolo: nel 2001 i rosa di Bombardini vengono dirottati al Santa Colomba (che ieri ha festeggiato la prima storica promozione in A). Nel Sannio si vede il miglior Palermo dell'era Mutti: in 9 contro 11 lotta fino al 95'

Estate 2001, la data è segnata in rosso. Si sogna: il 2 dicembre il Palermo tornerà a Napoli. Vengono compilati i calendari della B, riaffioriano subito storie di lacrime. Di gioia e rabbia. Si intrecciano i momenti clou della storia rosanero. Nel 1972 il San Paolo ospita Sorrento-Palermo: là i ragazzi di Ninetto De Grandi conquistano l'ultima promozione in A. Un esodo di massa accompagna Sgrazzutti, Arcoleo, Vanello e gli altri compagni al traguardo. La città è in fermento per una settimana. I giocatori riescono a stento a camminare per strada. Lo 0-0 finale porta il Palermo in A. Sette anni dopo c'è una finale di Coppa Italia, contro la Juventus. Ancora una "diaspora" verso il San Paolo. Questa però è una cronaca di un racconto impossibile. Appena sfiorata, perché il Palermo perde contro la Juventus a tre minuti dalla fine dei tempi supplementari, e di quella notte tutto è già stato detto. 

Nel 2001 i rosa tornano in B e si "allineano" di nuovo al Napoli. Il viaggio al San Paolo però sfuma in extremis. Il quartiere olimpico di Fuorigrotta è ancora segnato dal nubifragio di metà settembre. I danni dell'ultima alluvione costringono il club partenopeo a "dirottare" il match con il Palermo a Benevento. I tifosi rosanero non la prendono bene. Il gustoso posticipo del lunedì sera perde una valanga di fascino. Niente San Paolo, si gioca in uno stadio un po' sgangherato, sicuramente senz'anima: il Santa Colomba di Benevento. La squadra di casa - che ieri ha festeggiato per la prima volta lo storico approdo in A - nuota in fondo alla classifica di C. Anche il Napoli è un piccolo Napoli. I tifosi azzurri boicottano la partita. 

Al Santa Colomba si presentano in mille. Il Napoli di Vidigal e Jankulovski è quattordicesimo. Sta molto più su il Palermo di Mutti, che si presenta a Benevento col morale alle stelle, 5 punti di vantaggio e 300 fedelissimi al seguito. La partita va in diretta tv su Stream. E chi l'ha vista non la dimentica. Perché a Benevento si vede il miglior Palermo dell'anno. I rosa perdono 3-2 in nove contro undici, condannati da un calcio di rigore discutibile. Una partita che a tratti sembra un romanzo. Segna subito Guidoni, pareggia Vidigal.

Ma i Mutti boys frullano gioco, dominano con le ali, pressano, rubano palla e ripartono. Già all'undicesimo tornano in vantaggio dopo un assolo sulla fascia di Bombardini che viene steso nei pressi dell'area. Punizione, bomba di Amerini, gol. Poi succede che Sicignano fa un paperone e si fa beffare da Stellone, Marco Aurelio viene espulso e l'arbitro Messina regala il rigore del 3-2. Segna di nuovo Stellone. Poi Ferri lascia il Palermo in 9, che ci prova fino a 95'. Cappioli su punizione sfiora il clamoroso 3-3. E' stata una partita bellissima. La migliore dell'era Mutti. Che a fine partita si sfoga così: "Mi dispiace, questa volta non si può proprio stare zitti". Ricordi di una notte di 16 anni fa. Quando nella mappa del calcio ancora Benevento non esisteva.

LEGGI LE ALTRE STORIE DI AMARCORD CLICCANDO QUESTO LINK

SEGUICI SU FACEBOOK CLICCANDO QUESTO LINK

Si parla di

Vedi Napoli e poi piove: il Palermo e il buon vento a Benevento

PalermoToday è in caricamento