AMARCORD1983

Opinioni

AMARCORD1983

A cura di Alessandro Bisconti e Francesco Sicilia

Nicola Raccuglia, il palermitano che vestì Maradona con la NR

Avete presente il marchio NR presente sulla maglia che indossa Diego Armando Maradona quando il Napoli nel 1987 vince per la prima volta nella sua storia lo scudetto? Quel marchio significa Nicola Raccuglia, un palermitano che ha vestito in campo non solo il 10 azzurro, ma anche il gotha del calcio mondiale degli anni Ottanta. D10s? Pibe de Oro? “Diego era un uomo, uno dei nostri”, ricorda oggi Raccuglia, quasi a voler rimarcare la normalità di una persona fuori dal comune, probabilmente, solo nell’immaginario collettivo.

nicola-raccuglia-2Gli aneddoti legati a Maradona e alla NR sono tanti. Raccuglia, che oggi ha 80 anni, ne descrive con minuzia e lucidità un paio. “Un giorno mi contattò Gaetano Masturzo, capo magazziniere del Napoli: ‘Nicola, ti do questo numero, è il telefono di casa di Maradona. Chiamalo che ti vuole parlare’. Telefonai e mi rispose una donna argentina. Mi fecero sentire a mio agio, quasi come se fossi io Maradona e lui Nicola Raccuglia. Poi mi passarono Diego che, con estrema cordialità e garbo, mi chiese qualche maglia da regalare agli amici. Gliene mandai una cinquantina”.

Basta farsi un giro sul web per vedere quanto valgono oggi quelle maglie del Napoli marchiate NR e con la scritta Buitoni. “Da quel momento – continua Raccuglia – conobbi Diego, una persona squisita”. E libera. Tant’è che nonostante l’accordo con lo sponsor tecnico, strizzava spesso l’occhio alle creazioni dell’amico Nicola. “Era obbligato per contratto a vestire Puma – ricorda ancora Raccuglia – ma si faceva spesso vedere anche con la linea tempo libero firmata NR”.

Capace di palleggiare con qualsiasi cosa gli capitasse tra i piedi, Diego Armando Maradona pare però fosse meticoloso nella scelta dei palloni con i quali giocare la domenica al San Paolo. Raccuglia, che da giovane aveva giocato a calcio a buoni livelli, seppe far breccia anche con lo strumento più caro al campionissimo argentino. “Avevo scoperto che i migliori palloni dell’epoca si facevano a Singapore, rintracciai questa ditta e mi produssero un pallone con un disegno nuovo con i loghi di NR”.

“Contattai stavolta io Masturzo – racconta ancora mister NR -. ‘Pronto Gaetano, posso mandarti 3-4 palloni da fare provare a Diego? Sì Nicola, mandameli ma te lo dico prima… Diego è delicato nella scelta dei palloni, sai com’è, le punizioni, i rigori…‘ Era un martedì mattina, Diego provò i palloni in allenamento e in serata mi arrivò la telefonata di Gaetano: ‘Nicola, mandami 30 palloni che domenica giochiamo con la Lazio col tuo’”.

LEGGI LE ALTRE STORIE DI AMARCORD CLICCANDO QUESTO LINK

SEGUICI SU FACEBOOK CLICCANDO QUESTO LINK

Gallery

Si parla di
Sullo stesso argomento

Nicola Raccuglia, il palermitano che vestì Maradona con la NR

PalermoToday è in caricamento