Lunedì, 27 Settembre 2021
Salute

Traumi o crampi, l'erba miracolosa che fa guarire: tutto quello che c'è da sapere sull'arnica

Si tratta di un'erba medicinale utilizzata in ambito fitoterapico per il suo potenziale effetto analgesico ed antinfiammatorio. Anche se gli studi clinici ne hanno evidenziato l'inefficacia come rimedio omeopatico, alcune evidenze suggerirebbero l'utilità dell'applicazione topica

L'arnica è una pianta una pianta della famiglia delle Asteraceae, conosciuta anche con il nome di "erba delle cadute", in riferimento al suo utilizzo contro il dolore causato da traumi o a seguito di un affaticamento muscolare (come indolenzimento e crampi). Ma funziona davvero? Vediamo insieme a cosa serve l’arnica, le sue proprietà e i prodotti migliori a base di arnica da utilizzare contro traumi, dolori muscolari e infiammazioni muscolo-scheletriche. 

A cosa serve l’arnica

L'arnica è un'erba medicinale utilizzata in ambito fitoterapico per il suo potenziale effetto analgesico ed antinfiammatorio. Anche se gli studi clinici sull'utilizzo dell'arnica hanno evidenziato l’inefficacia di questa pianta come rimedio omeopatico, alcune evidenze suggerirebbero l'utilità dell'applicazione topica di arnica come rimedio antinfiammatorio e analgesico efficace contro:

  • Traumi
  • Contusioni
  • Dolore
  • Ecchimosi
  • Dolori da influenza, articolari e muscolo-scheletrici
  • Senso di indolenzimento.

Consigliata da molti farmacisti e medici tradizionali, l’arnica è quindi un rimedio naturale efficace che svolge un’azione antinfiammatoria e analgesica e che può essere somministrato con la massima tranquillità anche nei bambini.

Come usare l’arnica

Oltre ai granuli utilizzati in ambito omeopatico, come rimedio fitoterapico l’arnica si può presentare sotto forma di tintura, crema, unguento, pomata e gel da applicare localmente sulla zona da trattare. È importante, inoltre, che l’applicazione topica dell’arnica, in qualunque sua forma, avvenga unicamente sulla cute integra, senza quindi escoriazioni o ferite aperte, evitando anche il contatto con occhi, bocca ed organi genitali.

Controindicazioni

L’arnica non deve essere usata nei casi di ipersensibilità alla pianta o ad altre piante appartenenti alla stessa famiglia, come ad esempio la camomilla. Inoltre, è fortemente controindicato l’uso orale dell’arnica, soprattutto in gravidanza e durante l’allattamento al seno.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Traumi o crampi, l'erba miracolosa che fa guarire: tutto quello che c'è da sapere sull'arnica

PalermoToday è in caricamento