Salute

Dalle apnee notturne alla narcolessia: quali sono i più diffusi disturbi del sonno e come curarli

Secondo i recenti dati dell'Associazione Italiana per la Medicina del Sonno (Aims), nel nostro Paese circa 1 adulto su 4 soffre di insonnia cronica o transitoria. Tutto quello che c'è da sapere

In Italia ben 12 milioni di persone soffrono di disturbi del sonno: difficoltà di addormentamento, frequenti risvegli durante la notte, risvegli precoci la mattina e difficoltà di riprendere sonno. Secondo i recenti dati dell'Associazione Italiana per la Medicina del Sonno (Aims), nel nostro Paese circa 1 adulto su 4 soffre di insonnia cronica o transitoria.

Chi soffre d'insonnia 

Sono soprattutto le donne ad essere maggiormente interessate, circa il 60% rispetto al totale. Il 20% dei casi riguarda invece bambini e minori. Cifre che, secondo gli esperti, sarebbero addirittura raddoppiate nell'anno della pandemia da Covid secondo quanto riporta l'Agenzia Dire. Nella maggioranza dei casi le alterazioni del sonno si traducono nella perdita del riposo notturno, con conseguente senso di malessere psico-fisico al risveglio e anche comparsa dell'eccessiva sonnolenza diurna (Esd), cioe' l'incapacità di rimanere svegli in maniera appropriata durante il giorno.

L'Esd peggiora la qualità della vita e la produttivita' dei pazienti che ne sono affetti: negli adulti l'eccessiva sonnolenza diurna aumenta il rischio di incidenti stradali, domestici o lavorativi, mentre nei bambini ostacola l'apprendimento e la socializzazione. L'eccessiva sonnolenza diurna è spesso associata a due patologie fortemente sottostimate e spesso non diagnosticate correttamente: la narcolessia e le apnee ostruttive del sonno (Osa).

I numeri 

I numeri parlano chiaro, basti pensare che le apnee ostruttive del sonno colpiscono circa 1 miliardo di persone nel mondo. In Italia circa 7 milioni di soggetti soffrono di almeno 5 apnee per ora di sonno, mentre nella popolazione di età compresa tra 30 e 69 anni, sono 4 milioni quelli con più di 15 apnee per ora di sonno. In età pediatrica l'incidenza è del 5%. La narcolessia invece, una malattia rara di difficile diagnosi, colpisce 4-5 persone ogni 10.000 abitanti, per un totale di circa 27.000 pazienti stimati in Italia. Tuttavia sono appena 2.500 quelli attualmente in cura per una diagnosi corretta di narcolessia.

La narcolessia 

Tra le patologie più significative legate ai disturbi del sonno c'è senz'altro la narcolessia, una malattia neurologica cronica rara caratterizzata da un ciclo sonno-veglia non regolare e dalla comparsa, durante la veglia, di periodi di sonno improvvisi e non controllabili dal soggetto, associati o meno a cataplessia. I sintomi più importanti sono un'eccessiva sonnolenza diurna, sonno notturno disturbato, allucinazioni al momento dell'addormentamento o al risveglio e paralisi del sonno, che consistono nella sensazione di non riuscire a muoversi per alcuni secondi, a volte anche minuti, sempre nel momento dell'addormentamento o del risveglio. Secondo gli esperti la narcolessia e' una patologia fortemente sotto diagnosticata. In Italia, paese all'avanguardia in questo campo, il tempo medio per una diagnosi dalla comparsa dei primi sintomi e' di 5 anni, mentre in Europa e negli Stati Uniti e' addirittura di 15 anni.

Le apnee ostruttive del sonno

Pause nella respirazione durante il sonno, dovute all'ostruzione parziale o totale delle prime vie aeree, sono la principale manifestazione delle apnee ostruttive del sonno (Osa). Una condizione che genera particolari manifestazioni cliniche tra cui sonnolenza diurna, stanchezza, deficit dell'attenzione e della memoria, e si associa ad un maggiore rischio di malattie cardiovascolari, neurologiche e metaboliche. A lungo termine aumenta, per chi ne soffre, il rischio di ictus, ipertensione arteriosa, coronopatie e aritmie, diabete.

Il sintomo principale delle apnee ostruttive del sonno è certamente il russamento, quasi sempre molto intenso e, a causa dell'apnea, intermittente, la sonnolenza diurna, l'insonnia soprattutto legata ai risvegli precoci e alla difficoltà di riprendere sonno, affaticamento e difficoltà di concentrazione, nicturia (la tendenza ad alzarsi di notte per l'urgenza di urinare). Tra le cause invece, certamente obesità e sovrappeso, ma anche alcune di natura anatomica: per esempio, una mandibola piccola, palati molto abbondanti o una lingua grossa possono contribuire a ridurre lo spazio aereo faringeo e ostruire le vie aeree superiori facilitando le apnee. Anche l'assunzione di alcol la sera può favorire l'insorgenza di apnee ostruttive, mentre le tonsille o le adenoidi possono esserne la causa in età pediatrica.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dalle apnee notturne alla narcolessia: quali sono i più diffusi disturbi del sonno e come curarli

PalermoToday è in caricamento