Sembra danza acrobatica (o ginnastica) ma non è: dove fare pole dance a Palermo

Uno sport completo che fa lavorare tutto il corpo bruciando calorie e divertente che aiuta a creare e sviluppare legami e a migliorare l’autostima personale. Un vero toccasana per corpo e spirito

Da non confondere con la lap dance, che invece è un’attività ludica di intrattenimento praticata negli strip club, la pole dance è diventata un vero e proprio sport amato dai palermitani soltano nel 2010 (in quell'anno si è svolto il primo campionato italiano a Roma, mentre nel 2005 a Amsterdam ha avuto luogo il primo campionato mondiale). 

Uno sport intenso e completo, che unisce la ginnastica acrobatica alla danza con la pertica: prevede l'utilizzo di tutta la muscolatura, focalizzandosi in particolar modo su spalle, braccia e addominali e aiuta ad acquisire, con una pratica costante e regolare, maggiore flessibilità, forza, coordinazione, resistenza e agilità, qualità essenziali per eseguire le figure acrobatiche che caratterizzano questa disciplina.

Le origini della "pertica verticale"

Le origini della pole dance non sono del tutto note: dall’antica arte del Juedixi nella dinastia Han allo spettacolare Kyokuzashi, in Giappone, dalla Mallakhamb indiana fino agli spettacoli itineranti circensi dei primi anni del ‘90 in Nord America, la pertica verticale è un archetipo che possiamo ritrovare in tantissime popolazioni e culture. La pole dance iniziò ad assumere i tratti con cui la conosciamo oggi intorno agli anni ‘50, passando da spettacolo itinerante ad appuntamento fisso nei club.

Gli strumenti essenziali

La pole dance prevede un vestiario “essenziale”, solitamente composto da culotte e canottiera, perché la pelle a contatto con il palo dà un’ottima presa. Il palo è lo strumento unico e fondamentale e può essere di diverse dimensioni e materiali: possono avere un diametro di minimo 38 fino a un massimo di 50 cm e possono essere realizzati in acciaio inossidabile, acciaio cromato per elettrolisi o in barre a sezione tonda in ottone. 

La scelta di materiali e dimensioni è solitamente soggettiva, in funzione sia delle caratteristiche dell'individuo, come costituzione, forza muscolare e dimensione delle mani, sia della performance da eseguire. Infatti le diverse finiture superficiali del palo hanno diverse proprietà di presa: ad esempio, l’acciaio lucido è molto scivoloso e dunque più adatto a figure che richiedono meno grip e a danze veloci, mentre i pali di ottone forniscono più attrito consentendo una tenuta delle mani e delle altre parti del corpo più salda.

Chi può praticare la pole dance

La pole dance è alla portata di tutti, posto ovviamente l’importanza di essere in buona salute, e si rivolge sia alle palermitane che ai palermitani: l'importante è affidarsi a dei veri professionisti che siano in grado di capire le vostre esigenze, farvi procedere per gradi e seguirvi attentamente. 

I benefici della pole dance

La pole dance è uno sport divertente, un connubio ideale tra ginnastica artistica, acrobatica e danza, che richiede impegno, dedizione e una buona preparazione fisica. Durante una lezione tipo si effettua un’iniziale fase di riscaldamento, con esercizi mirati a potenziare e rendere più elastica la muscolatura, poi si lavora direttamente con il palo.

È uno sport molto completo, che fa lavorare tutto il corpo, in cui la resistenza fisica aumenta al passo con equilibrio ed autostima: si tonifica il corpo bruciando calorie e, a livello mentale, ci si sente più sicure, più forti e anche più sensuali. Inoltre, e non meno importante, la pole dance è uno sport divertente che aiuta a creare e sviluppare legami e a migliorare l’autostima personale: insomma, un vero toccasana per corpo e spirito.

Tre palestre dove fare pole dance a Palermo 

Body Time Fitness & Dance, via Borromeo Cardinale 18 a Palermo 
Cervino Dance Academy, via Bernardo Bonaiuto 13 a Palermo 
Athena Club, via Giuseppe Fava 3 a Palermo
Pole Fitness Palermo, corso Calatafimi a Palermo

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Sicilia resta arancione (ma Palermo ancora rossa), Draghi: "Dal 26 aprile iniziamo a riaprire"

  • Il caso della prof morta: "La prima volta il medico ha rifiutato di farle AstraZeneca"

  • Coronavirus, il numero dei positivi resta alto: la Sicilia rischia la zona rossa 

  • Coronavirus, Sicilia quarta regione per contagi (+1.450): frenano i ricoveri, 6 morti

  • La strategia di Musumeci per far decollare AstraZeneca: "Per tre giorni vaccini senza prenotazione"

  • Covid, in Sicilia più di mille nuovi contagi (ma con oltre 38 mila tamponi): 20 i morti

Torna su
PalermoToday è in caricamento