Mercoledì, 27 Ottobre 2021
Alimentazione

I cetrioli contro la caduta di capelli, l'uva come antiage: cosa portare a tavola a settembre

Tra estate e autunno, settembre è il mese perfetto per prendersi cura di capelli e pelle con l’alimentazione e le vitamine. Depurazione e reidratazione iniziano a tavola a partire da cetrioli e uva, protagonisti di questa stagione

Capelli, pelle ma non solo, anche reidratazione e depurazione con cetrioli e uva. Benvenuti a settembre. Mese di transizione tra estate e autunno che ci regala ancora prodotti tipicamente estivi e qualche primizia autunnale. Al rientro dalle vacanze, dopo lo stress dovuto al caldo estivo, all’acqua salata del mare e in vista del consueto ricambio stagionale è il momento di iniziare a pensare al benessere di pelle, capelli e unghie che meritano di ricevere le giuste attenzioni. 

“Un’alimentazione ricca di frutta e verdura aiuta a rimineralizzare l’organismo depurandolo al contempo - ricorda la dottoressa Giovanna Geri, farmacista, nutrizionista e co-fondatrice della startup Vitamina -. Le vitamine A e C, in particolare, rinforzano la pelle e riparano i danni di sole e mare. È importante a settembre fare incetta di questi ultimi momenti di colore estivo con meloni, pesche, angurie e frutti rossi. 

Alimentazione sì, ma se necessario anche integrazione. “Ci sono alcune sostanze fondamentali che non dovrebbero mai mancare - continua la dottoressa Geri di Vitamina - oltre alla vitamina C che, come antiossidante, contrasta il danno indotto dai radicali liberi e favorisce la riossigenazione del bulbo, lo zinco è un minerale prezioso per la salute della pelle e degli annessi cutanei; agisce come antiossidante e rinforza il capello dalla punta alla radice. Le vitamine del gruppo B, poi, sono tutte essenziali per la struttura e la difesa della pelle e dei capelli ma la protagonista è la biotina, o vitamina B8, che previene la caduta e rinforza i capelli, donandogli corpo e lucentezza. Ma attenzione perché queste sostanze vengono rapidamente depauperate da stress, fumo, mancanza di vitamine e minerali, nonché dal consumo frequente di alcolici”.

Tra le verdure di settembre si trovano ancora cicoria, insalate, melanzane e bietole e cominciano a farsi vedere zucca e cavoli. Ma è il cetriolo, che poi non sarà più di stagione, l’ortaggio su cui contrarsi in queste settimane. “Il cetriolo appartiene alla famiglia delle cucurbitacee, la stessa dell’anguria e del melone. Per questo è ricco di acqua e poverissimo di calorie, cosa che lo rende ideale per depurare l’organismo e ritrovare la linea - spiega ancora -. Possiede inoltre proprietà dissetanti, lenitive e rinfrescanti. Contiene potassio, vitamina C e vitamine del gruppo B, ma anche ferro, calcio e vitamina A. Grazie alle sue proprietà lenitive, è utilizzato anche come rimedio per borse e occhiaie, applicandone direttamente le fette sugli occhi". 

Ancora disponibili i frutti rossi, fichi, pesche, susine e meloni, per fare il pieno di antiossidanti, vitamine e sali minerali, la vera “regina” di settembre è, però, l’uva con le sue innumerevoli proprietà, ma anche qualche controindicazione. “L’uva è ricca di zuccheri e acqua e povera di grassi: ideale per reidratarsi e avere un boost energetico immediato - consiglia l’esperta -. Possiede proprietà dissetanti e rinfrescanti ma l’elevato contenuto di zuccheri, glucosio e fruttosio, la rende non adatta ai diabetici. Contiene elevate quantità di potassio, vitamina C e vitamina A che, insieme ai polifenoli, le conferiscono un ottimo potere antiossidante. L’uva nera, poi, contiene resveratrolo, antiage e con una blanda attività antiaggregante: per queste sue caratteristiche l’uva è molto utilizzata per il microcircolo, per rinforzarlo ed eventualmente agire come antinfiammatorio". 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I cetrioli contro la caduta di capelli, l'uva come antiage: cosa portare a tavola a settembre

PalermoToday è in caricamento