Virus, donne siciliane lanciano raccolta fondi per acquistare assorbenti e beni di prima necessità

Iniziativa di "Non una di Meno" di Palermo e Messina e del Circolo Arci Scirocco-Marsala: "Oltre ai prodotti alimentari e a quelli per l’igiene personale e della casa, per le donne sono prodotti di prima necessità anche i prodotti per l’igiene intima"

Donne in aiuto delle donne. Il coordinamento "Non una di Meno" di Palermo, quello di Messina e il Circolo Arci Scirocco-Marsala hanno deciso di lanciare una raccolta fondi per acquistare beni di prima necessità da distribuire alle donne che oggi si trovano in difficoltà. "Oltre ai prodotti alimentari e a quelli per l’igiene personale e della casa, per le donne sono prodotti di prima necessità anche i prodotti per l’igiene intima - si legge in una nota -  gli assorbenti, i tamponi e le coppette mestruali, nonostante a tutti questi prodotti in Italia sia ancora applicata l’iva al 22%, cioè quella che viene applicata a tutti i prodotti non considerati essenziali".

"Da mesi - prosegue la nota - le donne vivono​ ormai​ una condizione assimilabile a una vera e propria​ reclusione forzata,​ costrette a fermarsi, ad interrompere ogni forma di relazione esterna alla casa e a lasciare​ i propri lavori precari che, seppur​ in nero e sottopagati, hanno permesso di tirare avanti fino ad ora".

"Dentro le mura domestiche il lavoro di cura però non è certo diminuito e ha continuato a gravare, sempre più alienante, sulle nostre spalle. Le misure di supporto che il Governo ha annunciato si sono rivelate​ insufficienti a sostenerci. La pandemia e il lockdown hanno fatto emergere tutte le contraddizioni della società in cui viviamo, una società che mette la vita e la dignità delle persone, e in particolare delle donne, all’ultimo posto nella scala delle priorità dove a primeggiare sono profitto e prodotto interno lordo. Quello di cui siamo convinte, adesso più che mai, è che non ci basta tornare alla normalità perché la normalità era il problema e che è necessario costruire un mondo nuovo", afferma Giuliana Spera di "Non una di meno Palermo.

"Non ci vogliamo arrendere all’isolamento imposto dalla pandemia ne alle difficoltà materiali quotidiane che viviamo come donne ed è per questo che abbiamo continuato a organizzarci, a generare iniziativa e a prendere parola. Non possiamo rimanere in attesa di aiuti, che probabilmente non arriveranno, ma dobbiamo rimboccarci le maniche, convinte che le forme di cooperazione e di solidarietà che le donne sono in grado di costruire sono la migliore arma contro chi ci vuole schiacciare ai margini", aggiunge Domiziana Giorgianni di Non una di meno Messina.

"Forse - aggiunge Simona Paladino del circolo Arci Scirocco di Marsala - ancora sfugge a chi ci governa, ma noi donne abbiamo il ciclo ogni 28 giorni e gli assorbenti sono un’esigenza che si ripete ogni mese e non possiamo non usarli. Ogni donna, durante il periodo fertile, che dura in media quarant’anni, ha circa 450 cicli mestruali e consuma tra i diecimila e i 14mila assorbenti".

"La società può essere organizzata su nuove basi,​ è possibile una vita senza violenza patriarcale e razzista e libera dallo sfruttamento, partendo dalla solidarietà attiva tra donne. Crediamo fermamente che la lotta femminista vive nei nostri gesti e trasforma la realtà con la forza della collettività" concludono. Il link per dare il proprio contributo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a scuola, morta bambina di 10 anni dopo una caduta durante l’ora di educazione fisica

  • Coronavirus, nuova ordinanza: Sicilia diventa zona gialla

  • Sicilia in zona gialla: cosa si può fare e cosa no dal 29 novembre

  • Covid, Musumeci firma nuova ordinanza: bar e ristoranti aperti dalle 5 alle 18, ok ai negozi nei festivi

  • L'esito dell'autopsia sul corpo della piccola Marta: "E' stata stroncata da un malore"

  • Scambio di morti per Covid all'obitorio del Civico, famiglia seppellisce la salma di un altro

Torna su
PalermoToday è in caricamento