rotate-mobile
Attualità

Sold out e pubblico entusiasta per Le Papole al teatro Sant'Eugenio

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

Quattrocento posti occupati, oltre due ore di spettacolo e gli applausi scroscianti alternati alle risate di un pubblico dai 6 ai 75 anni. Tutto questo è accaduto nel corso del “Fanstamagoric sfavillant live show” svoltosi la sera di venerdì 10 marzo al teatro Sant’Eugenio a Palermo. Cinque uomini che hanno venduto l’anima alla musica e all’intrattenimento, vestiti con tute da meccanico da Formula 1, hanno dato vita a uno spettacolo fatto di gag esilaranti e musiche originali, ribaltando per una sera un teatro normalmente destinato a opere di prosa.

I cinque esponenti di quello che i critici hanno definito simpaticamente «teatro cazzone» hanno riempito il pubblico della loro voglia di esibirsi, costringendoli spesso alle lacrime, sia per le risate che per i momenti commoventi. In quest’ultimo caso non è mancato un ricordo di Mario Pupella, attore nazionale e patron del Sant’Eugenio, recentemente scomparso. La band de Le Papole è formata da Alessandro Torcivia alla voce, Samuele Davì alla tromba, Ezio Citelli alla chitarra, Marco D'Arpa al basso, Giovanni Apprendi alla batteria e percussioni.

Alcuni di loro vantano poi reali collaborazioni con Sting, Mario Biondi, Patti Smith e i Toto e conseguenti carriere su palchi internazionali. Travestendosi da Le Papole, però, questi musicisti si sono prestati a un genere che sfugge alle definizioni tradizionali di spettacolo Quel che contano sono poi le canzoni, che sono diventate veri e propri tormentoni al primo ascolto. Dopo il successo di venerdì, gioco-forza vuole che Le Papole torneranno presto in scena a Palermo, con l’obiettivo di allargare la platea anche a chi a chi ancora non li conosce.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sold out e pubblico entusiasta per Le Papole al teatro Sant'Eugenio

PalermoToday è in caricamento