menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Le trecce tagliate e il "no" al matrimonio: Santa Rosalia protagonista su Rai Storia

Il programma "La croce e la spada", in onda oggi alle 22.10, accende i riflettori sulla protettrice di Palermo

Santa Rosalia, la santa protettrice di Palermo: a lei è dedicata la cappella meridionale della basilica palermitana dove il suo corpo è venerato in una ricca urna d'argento posta sull'altare, che sorge in fondo alla navata laterale destra. Il reliquiario custodisce anche un prezioso documento, la sua prima biografia. Lo racconta "La croce e la spada", in onda oggi, lunedì 2 novembre, alle 22.10 su Rai Storia. La tradizione narra che al conte Ruggero, mentre osservava il tramonto con sua moglie, apparve una figura celestiale, latrice di un messaggio: "Ruggero, io ti annuncio che nascerà nella casa di Sinibaldo, tuo congiunto, una rosa senza spine".

L'angelo della leggenda stava parlando di Rosalia, che nacque in provincia di Agrigento in anno incerto. Suo padre, il conte Sinibaldo, discendeva da Carlo Magno. Per questo motivo visse in ricchezza presso la corte di re Ruggero e quando il conte Baldovino lo salvò da un animale selvaggio il re volle ricambiarlo con un dono. Baldovino chiese in sposa Rosalia, ma la ragazza, all'indomani dell'offerta, si presentò alla corte con le trecce tagliate. Era il suo modo per dichiarare che preferiva abbracciare la fede. Nel luogo dove Rosalia fu trovata morta, il 4 settembre 1160, sorge oggi il Santuario di Santa Rosalia.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Costume e Società

Festival di Sanremo: il testo della canzone "Amare" de La Rappresentante di Lista

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento