rotate-mobile
Lunedì, 16 Maggio 2022
Attualità

Palermo e Lecce unite anche dall'arte: i vip sostengono Sperone167, il nuovo progetto dell’artista Palminteri

Brunori Sas, Antonio Di Martino e Alessandro Bazan sposano sui social l'iniziativa che punta a riqualificare due quartieri periferici e mettere al centro le comunità che li abitano. Per trasformare l'idea in realtà servono 20 mila euro, in corso la campagna di crowdfunding

Non solo calcio. Palermo e Lecce unite idealmente anche dalla street art. Realizzare due grandi opere, sui muri di due quartieri di periferia - lo Sperone nel capoluogo e 167 nella città salentina - è il fulcro del progetto che vede in campo l'artista palermitano Igor Scalisi Palminteri, quello salentino Francesco Ferreri in arte Chekos e Afea Art & Rooms struttura ricettiva ed incubatore artistico del capoluogosiciliano. "Una visione - spiega Palminteri - che si è trasformata in una sfida. Non è solo la pittura di muri ma credere in una possibilità diversa per le periferie". Un'idea sposata sui social da personaggi famosi, da Brunori Sas e Antonio Di Martino, passando per I quattro gusti e Alessandro Bazan che negli ultimi giorni hanno riempito la bacheca del profilo Facebook dello street artist siciliano di endorsement. 

"Il mio amico Igor è un pittore straordinario, da anni - scrive il cantante Di Martino -  la sua arte è uscita dallo studio e si è riversata sui i muri di diverse città. In questo momento sta portando avanti un progetto molto ambizioso che coinvolge due citta Palermo e Lecce. Si tratta di  un processo di riqualificazione dal basso di due quartieri periferici e popolari. Lo Sperone di palermo e la 167 di Lecce in cui porterà avanti, insieme all’artista salentino Chekos due grandi interventi murari coinvolgendo i ragazzi dei quartieri. Sostenete il progetto con una piccola donazione". 

L'obiettivo finale di Sperone 167 è riscattare questi luoghi e i suoi residenti. "Un'idea semplice quanto rivoluzionaria: come cittadinanza - spiegano gli organizzatori - dobbiamo prenderci cura dei luoghi in cui viviamo, perché dalla qualità dei beni comuni materiali e immateriali dipende la qualità della nostra vita". L'iniziativa prevede anche momenti di scambio culturale: un gruppo di ragazzi della 167 di Lecce verranno allo Sperone a fare una esperienza di creatività, di partecipazione e di comunità. E faranno lo stesso un gruppo di giovani palermitani. La sinergia, partendo dal basso, coinvolge gli istituti comprensivi “Sperone-Pertini” di Palermo e “G. Stomeo – P. Zimbalo” di Lecce, così da rendere co-partecipi le due comunità delle aree coinvolte in alcuni tra gli interventi dei luoghi che gli stessi vivono nella quotidianità, creando un legame tra le due scuole. 

Parte integrante del progetto anche la realizzazione di un evento di presentazione durante il quale sarà proiettata un'opera di visual mapping, curata da Odd Agency, e la realizzazione di un documentario, che racconta tutte le fasi del progetto, con la regia di Davide Currao. A finanziare il tutto una campagna di crowdfunding, lanciata un mese fa su Planbee. A sostenere i due artisti con un video messaggio anche Fratel Mauro. "Si adopereranno, non solo per realizzare le opere, ma per dire come la bellezza interiore può essere arredo, cura del bene interiore, una comunità della cura, che è straordinario. Per questo vi invito a partecipare alla campagna di crowdfunding". Per trasformare l'idea in realtà servono 20 mila euro e ne sono stati raccolti circa 5 mila.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Palermo e Lecce unite anche dall'arte: i vip sostengono Sperone167, il nuovo progetto dell’artista Palminteri

PalermoToday è in caricamento