Stella al merito del Coni al presidente dell'Aci Palermo: "Ha rilanciato la Targa Florio"

Nell'ultimo quinquennio la "Cursa" è tornata a fare grandi numeri diventando anche un volano turistico per il territorio. Sono cresciuti anche i partecipanti non europei. Nel 2020 nuovo percorso alla scoperta di Noto, Siracusa e del barocco. L'intervista ad Angelo Pizzuto

Il presidente dell'Aci Palermo Angelo Pizzuto

Conferita la Stella di bronzo al merito sportivo del Coni al presidente dell'Aci Palermo Angelo Pizzuto, 51enne originario di Casteldaccia ma da oltre trent'anni residente in città e molto legato al territorio Madonita dove ha svolto per circa 10 anni il ruolo di presidente del Parco delle Madonie e dove ho messo su famiglia. La consegna del prestigioso riconoscimento è avvenuta a Villa Zito. "E' stato un grande onore - racconta a PalermoToday Pizzuto - ricevere dal presidente regionale del Coni Sergio D'Antoni, questo importante riconoscimento che testimonia tanti anni di attività nel campo dell'automobilismo sportivo e il lavoro fatto all'Aci per rilanciare il settore delle gare automobilistiche con la Targa Florio e altre 11 gare iscritte al calendario nazionale".

Ci racconta un po' come è cambiata la Cursa da quando lei è diventato presidente dell'Aci Palermo?

La Targa ha subito negli anni un po' di appannamento per varie problematiche organizzative e gestionali ma nell'ultimo quinquennio abbiamo fatto una grande operazione di rilancio sia dal punto di vista sportivo che promozionale che ha riportato - attraverso la 100esima edizione del 2016 - ai grandi numeri e alla grande partecipazione. Un grande risultato raggiunto grazie alla grande sinergia con Aci Italia e con il presidente Sticchi Damiani.

L'edizione 2019 è stata caratterizzata dalla presenza di molti partecipanti provenienti dall'estero. Cosa dobbiamo aspettarci per il 2020?

Nel 2019 abbiamo avuto grandi numeri: abbiamo sfiorato i 200 equipaggi, dei quali una quarantina stranieri provenienti non solo dall'Europa ma anche da Stati Uniti, Australia e Giappone. Diversi di questi equipaggi già l'anno scorso avevano partecipato alla gara e siamo orgogliosi di annunciare che torneranno anche l'anno che verrà. Nel 2020 pensiamo di superare i numeri di quest'anno cambiando anche un po' il percorso e dando la possibilità ai concorrenti di vedere le parti più belle della Sicilia nelle quali ancora non sono stati. Ogni anno facciamo sempre un giorno e mezzo nelle Madonie - teatro della Targa storica - e altri due giorni in giro per l'Isola. Quest'anno andremo alla scoperta di Siracusa, Noto e del barocco. Poi gran finale nel Parco della Favorita con il trofeo città di Palermo, graditissimo dai concorrenti.

Angelo Pizzuto in gara-2Lei è anche un pilota, come nasce questa passione?

Ho iniziato circa 15 anni fa. La mia è una passione nata da adulto con l'interessarsi dell'automobilismo storico e ascoltando i racconti del professor Vaccarella tra epiche sfide della Targa mondiale: sono cresciuto con questa passione. Io guido le auto storiche con la formula della regolarità portando, con il maestro Giovanni Moceri, la nostra scuderia nelle gare nazionali ed estere più importanti 

Pensa che la "Cursa" possa diventare volano turistico per la città?

Certo che sì, lo è già. Durante la Targa Florio non si trova una camera d'albergo disponibile da Terrasini a Messina. Questo perchè avere 200 vetture in gara significa avere 400 persone di equipaggio, almeno 100 persone di staff, 300 persone di servizio (tra medici, infermieri, commissari di percorso e volontari della protezione civile, oltre a muovere un indotto importantissimo legato all'automobilismo che coinvolge meccanici, elettricisti e ricambisti. Vorrei inoltre sottolineare che, per volontà del presidente Nello Musumeci, dal 2017 la Regione è ritornata a pieno titolo come partner istituzionale della manifestazione sostenendola sia dal punto di vista economico che mediatico. 
 
Nel 2018 è stato confermato presidente dell'Aci e resterà in carica fino al 2021. Quali obiettivi si prefigge di raggiungere per quella data?

L'Aci non è solo sport. Svolgiamo anche un importante servizio pubblico fornendo diversi servizi agli automobilisti palermitani: dai passaggi di proprietà al pagamento della tassa automobilistica (bollo) passando per il rinnovo patenti e i servizi assicurativi - attraverso Sara - e molti altri ancora. Per il 2020 l'obiettivo che ci proponiamo è incrementare questi servizi per i cittadini, potenziare la rete su Palermo e Provincia - al momento composta da 18 delegazioni - e incrementare, in collaborazione con gli istituti scolastici, il nostro programma di sicurezza stradale rivolto agli studenti di tutte le età. Ovviamente vogliamo anche sviluppare tutte le gare sportive in calendario. Si comincia il 4 aprile con la Bellolampo-Passo di Rigano, gara di regolarità nazionale per poi andare alla Targa Florio rally del 9 maggio. Mi preme ricordare che la Targa Florio ha due edizioni, oltre alla rally ad ottobre si gareggia per la classica. 

Il 2019 è stato un buon anno per l'Aci? Come sono andate le immatricolazioni? E quanti sono stati i palemitani che hanno pagato il bollo?

Direi che tutto sommato è stato un buon anno. A Palermo il mercato dell'auto è in linea con il trend nazionale: c'è stata una piccola flessione ma tiene. Per quanto riguarda il pagamento della tassa automobilistica, la Regione ha affidato all'Aci  - oltre che la riscossione della tassa - anche il riaccertamento e questo ha comportato sensibili maggiori introiti per le casse regionali.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, 4 zone rosse a Palermo: Musumeci "chiude" i centri di Biagio Conte

  • Chiudono il negozio mentre sono in camerino, mamma e figlia bloccate per 2 ore da Ovs

  • Coronavirus, è record di nuovi contagi in Sicilia (+179): arrivano i primi tamponi rapidi

  • Viale Regione, rapinatori armati di coltello assaltano il Lidl: scatta il fuggi fuggi

  • Sedici anni senza la voce sublime di Giuni Russo, ma a Palermo neanche una via per ricordarla

  • Straordinario ritrovamento a Caltavuturo: scoperta strada del secondo secolo Dopo Cristo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento