rotate-mobile
Attualità

Premio giornalistico Cristiana Matano, pubblicato il bando 2022: come partecipare

L'iniziativa è giunta alla settima edizione. Il tema scelto è "Lampedusa, il Mediterraneo e le terre di confine: racconti di vita, speranze e bellezze al tempo della pandemia"

E’ stato pubblicato sul sito www.occhibluonlus.com il bando per la settima edizione del Premio giornalistico internazionale “Cristiana Matano”, dedicato alla giornalista di origine campana, ma siciliana d’adozione, prematuramente scomparsa l’8 luglio 2015 e che riposa a Lampedusa. La maggiore isola delle Pelagie, dall’8 al 10 luglio 2022, diventerà ancora una volta il luogo simbolo in cui per tre giorni si concentreranno numerosi appuntamenti che ruoteranno attorno al Premio giornalisticointernazionale. Solidarietà e  integrazione, musica e teatro, cultura e giornalismo saranno i temi che terranno viva l’attenzione verso l’ultimo lembo d’Italia e d’Europa, terra di frontiera, di accoglienza, di emergenze, ma anche distraordinario fascino paesaggistico. Al termine della  manifestazione, denominata “Lampedus’Amore - Premio giornalistico internazionale Cristiana Matano”, saranno consegnati i riconoscimenti che, dal 2016, rappresentano un appuntamento ormai tradizionale e di successo. L’associazione Occhiblu onslus, che organizza l’evento, per l’edizione 2022 ha scelto questo tema: "Lampedusa, il Mediterraneo e le terre di confine: racconti di vita, speranze e bellezze al tempo della pandemia".

Il premio è riservato ai giornalisti italiani iscritti all’Ordine e ai giornalisti stranieri autori di articoli, inchieste e servizi andati in onda e/o pubblicati su carta stampata, tv, radio, agenzie di stampa e testate online (regolarmente registrate), tra l’1 giugno 2021 e il 31 maggio 2022, termine ultimo per partecipare al premio. Il programma completo della manifestazione sarà diffuso nella primavera del 2022. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Premio giornalistico Cristiana Matano, pubblicato il bando 2022: come partecipare

PalermoToday è in caricamento