Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

VIDEO | Il lockdown, le balate della Vucciria e i bimbi di periferia che non conoscono il mare: il romanzo di Giada Lo Porto

Dopo "La tua impronta su di me", nel suo secondo libro la giornalista ha voluto raccontare le difficoltà vissute da tutti durante l'emergenza sanitaria e in particolare da Andrea, medico in prima linea all'ospedale Cervello

 

C'è il centro storico di Palermo ma anche il Cep e Bonagia, quartiere in cui Giada è nata e cresciuta. C'è l'emergenza sanitaria, vissuta in prima linea da medici e operatori sanitari che a marzo hanno dovuto combattere il virus spesso senza dispositivi di protezione adeguati. Ci sono il lockdown, il chioscho di Vergine Maria e le balate della Vucciria che per la prima volta si sono asciugate senza la movida scanzonata. I sorrisi tra le difficoltà dei bimbi di Boccadifalco e i giochi improvvisati dai piccoli della periferia che non conoscono neppure il mare. E soprattutto una storia d'affetto e d'amore lunga vent'anni, che dovrà affrontare anche la malattia. Questo e tanto altro in "Portami ancora al mare", il secondo libro della giornalista che, per l'occasione, si è messa nei panni di un uomo, Andrea, tra le corsie dell'ospedale Cervello...

Potrebbe Interessarti

Torna su
PalermoToday è in caricamento