Regalate 60 parrucche alle donne che lottano contro il cancro

E' il bilancio dell'iniziativa avviata a dicembre da Assoacconciatori e rivolta alle pazienti oncologiche: "Abbiamo avuto la possibilità di regalare un sorriso a chi sta attraversando un momento difficile della propria vita"

Sessanta parrucche donate in tre mesi, con richieste da tutta la Sicilia. E' il bilancio dell'iniziativa avviata a dicembre da Assoacconciatori e rivolta alle pazienti oncologiche. I professionisti della categoria, parte integrante dell'Area Produzione di Confesercenti Sicilia, guidata da Nunzio Reina, hanno incontrato e soddisfatto le richieste in base alle esigenze di ogni donna. Donate anche le parrucche messe a disposizione da Daniela Carlino, nipote della titolare dello storico negozio di via Dante.

"In questi tre mesi - dice Salvo Lo Coco, referente del progetto - abbiamo avuto la possibilità di regalare un sorriso, di dare una mano a chi sta attraversando un momento difficile della propria vita. Abbiamo valutato ogni caso e avviato la realizzazione delle parrucche in base alle necessità di ogni persona che si è rivolta a noi, con richieste anche dal Ragusano, da Enna e da Catania".

"Siamo riusciti ad aiutare, nel nostro piccolo, donne di ogni età - sottolinea Nunzio Reina -. Un dovere nei confronti di chi sta lottando contro la malattia, ma non può permettersi di sostenere questa spesa. Siamo pronti ad accogliere nuove richieste per dare ancora una volta forza e sostegno alle pazienti oncologiche". 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scene da far west ai Danisinni, sparatoria in strada: tre feriti, coinvolta una ragazza

  • "Battute sui siciliani": milanese cacciato da un b&b in centro

  • La mafia imponeva i suoi buttafuori nei locali notturni: scattano 11 arresti

  • Polizzi Generosa, netturbino morto folgorato: colpito da un fulmine mentre lavorava

  • Più di 7 milioni di euro di immobili all'asta, come aggiudicarsi le 36 case in viale del Fante

  • Precipita da una balconata: grave giovane palermitano

Torna su
PalermoToday è in caricamento