Attualità

Disco verde dall'Unesco: il Parco delle Madonie resta tra i geoparchi

Per l'interesse geologico del complesso montuoso madonita dal 2003 il Parco è entrato a far parte del network European geopark. Il sito è stato inserito nella lista dei geoparchi mondiali il 17 novembre 2015.

Il Parco delle Madonie tra i geoparchi mondiali. L'Unesco ha dato il disco verde convalidando la qualifica. L'annuncio è avvenuto nel corso del Consiglio dei Geoparchi globali in occasione della 15esima conferenza European Geoparks che si è svolta nel parco naturale di Sierra Norte de Sevilla in Spagna.

Sono volati in Andalusia per rappresentare il geoparco Madonie Peppuccio Bonomo e Santina La Spada: "Un risultato - commentano in una nota congiunta-  che si deve, comunque, incoraggiare con la comunicazione tra enti, istituzioni e associazioni per rendere forte il meccanismo Geopark dalla base". "È stato - afferma il commissario straordinario Salvatore Caltagirone - un altro successo. Grazie al lavoro svolto e ai risultati ottenuti nel corso degli ultimi due anni, siamo passati dal cartellino giallo a quello verde, superando tutte le prescrizioni che erano state raccomandate". 

Il Parco delle Madonie comprende quindici comuni della città metropolitana di Palermo (Caltavuturo, Castelbuono, Castellana Sicula, Cefalù, Collesano, Geraci Siculo, Gratteri, Isnello, Petralia Soprana, Petralia Sottana, Polizzi Generosa, Pollina, San Mauro Castelverde, Scillato e Sclafani Bagni). Proprio per l'interesse geologico del complesso montuoso madonita dal 2003 il Parco delle Madonie è entrato a far parte del network European Geopark a cui aderiscono più di venti parchi geologici e non, europei. Il sito è stato inserito nella lista dei Geoparchi mondiali Unesco il 17 novembre 2015, nel corso della 38esima sessione plenaria della Conferenza generale dell'Unesco svoltasi a Parigi.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Disco verde dall'Unesco: il Parco delle Madonie resta tra i geoparchi

PalermoToday è in caricamento