Domenica, 14 Luglio 2024
Attualità

"L'autostrada Palermo-Catania è un disastro": la denuncia corre su TikTok

"La Sicilia è abbandonata": comincia così il video di Lorenzo Tripi, 22 anni, fondatore di “Italy food porn Sicilia”, la più grande community online siciliana dedicata al cibo dell’isola, con oltre mezzo milione di follower sui social network

Il messaggio è categorico: "La Sicilia è abbandonata". Comincia così il video su TikTok di Lorenzo Tripi, 22 anni, fondatore di “Italy food porn Sicilia”, la più grande community online siciliana dedicata al cibo dell’isola, con oltre mezzo milione di follower sui social network.

"Percorro – racconta Lorenzo nel video del suo canale “Bestia dei social”, visto da quasi 250 mila persone su TikTok - quotidianamente per lavoro l’autostrada Palermo-Catania, perché il mio mestiere è diffondere la cultura della gastronomia sicula nel mondo, girando per l’isola. Ed è da anni in queste condizioni. La A19 è tutta piena di decine di “lavori in corso”. Sono anni che la vedo peggiorare. Non c’è un lavoro che è stato completato e ogni volta se ne aggiungono di nuovi. Ci sono chilometri e chilometri di autostrada a una corsia sola. È una cosa pericolosissima. Questa non è una superstrada o una provinciale, ma l’autostrada principale della Sicilia. E nessuno fa niente. Siamo abbandonati. Dove sono i politici siciliani? Perché non vengono qui a guardare cosa accade? La situazione è ridicola".

Alla denuncia di Lorenzo Tripi sono seguiti oltre mille commenti dei follower che, oltre a confermare le cattive condizioni della Palermo-Catania, denunciano anche il pessimo stato dell’autostrada per raggiungere Messina, ma anche della Palermo-Agrigento. 

"Mi viene da ridere – conclude Tripi nel suo TikTok – perché è davvero ridicola questa situazione vissuta ogni giorno, come da me e dal mio staff, da migliaia di automobilisti e centinaia di camionisti. E i politici se ne fregano".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"L'autostrada Palermo-Catania è un disastro": la denuncia corre su TikTok
PalermoToday è in caricamento