Padre Pio: in pellegrinaggio con amore

Uno dei santi maggiormente amati dagli italiani è Padre Pio. Un santo su cui si è già detto molto, nel bene e nel male, e su cui si continuerà a parlare ancora tanto. Tutta la sua vita è stata costellata da sofferenza, quella provata fisicamente e moralmente, e tanto amore, quello che provava per Cristo e per tutti i fedeli che lo avvicinavano

Un via vai continuo ed incessante nella piccola chiesa di San Giovanni Rotondo, nei primi decenni del 1900, era quello dei pellegrini che venivano a farsi confessare, ad aprirsi a lui per trovare Cristo e ricevere le grazie che chiedevano. Quello che più colpisce nella storia di San Pio da Pietrelcina è la rapida e costante diffusione delle notizie sulla sua figura di pacificatore d’anime e taumaturgo. In un epoca in cui solo i giornali e i rapporti epistolari facevano viaggiare le notizie, con molta più lentezza di oggi.

Tuttavia, la fama del frate di San Giovanni Rotondo cresceva di mese in mese. La sua misericordia e il suo modo burbero, ma amorevole, di redarguire e riprendere i fedeli lo rendevano un personaggio da amare incondizionatamente. Ancora oggi, ad oltre 50 anni dalla sua morte, sono centinaia di migliaia i fedeli che si recano in pellegrinaggio da Padre Pio, la sua grande forza mistica non si è mai esaurita. 

Una forza mistica e spirituale che si trova in tutti i luoghi in cui ha vissuto e professato il suo credo, luoghi che si possono ammirare durante un'esperienza spirituale come il pellegrinaggio organizzato.

Pellegrinaggio Padre Pio organizzato

Un pellegrinaggio organizzato ti darà la possibilità di godere in pieno di tutte le attività e le celebrazioni che si svolgeranno a San Giovanni Rotondo. Molti tour operator organizzano pellegrinaggi dalle maggiori città italiane, sia del Sud che del Nord Italia. Pellegrinaggio Padre Pio da Palermo, Catania, Messina, Calabria, Basilicata, Campania in pullman o in aereo, ma anche dalle maggiori città del Nord.

Cosa vedere in un pellegrinaggio da Padre Pio

La presenza di Padre Pio nel territorio di Foggia e dintorni è molto viva. San Giovanni Rotondo è un piccolo borgo, situato su una collina a quasi 600 metri sul livello del mare, e così, a differenza di quando arrivò la prima volta Padre Pio qui, il 28 luglio 1916, la calma e la tranquillità della cittadina è sempre minata dal gran numero di pellegrini provenienti da ogni parte del mondo.

I luoghi più importanti da vedere a San Giovanni Rotondo e dintorni sono: 

  • Santuario Santa Maria delle Grazie
  • Santuario di San Pio da Pietrelcina
  • Santuario di San Michele Arcangelo a Monte Sant’Angelo
  • Santuario Santa Maria delle Grazie

Santuario di Santa Maria delle Grazie è il primo luogo in cui mise piede San Pio appena arrivò per iniziare il suo ministero di padre confessore. Una piccola chiesa, annessa al convento dei frati minori dell’Ordine dei Cappuccini e uno spazioso sagrato erano tutto quello che il frate vi trovò. Oltre alla sua cella, che è visitabile ed è rimasta intatta dal giorno della sua morte nel 1968, anche la chiesa è stata teatro degli eventi mistici di Padre Pio. Profondamente cambiata oggi, anche per la costruzione, fortemente voluta dal santo, della chiesa grande a metà anni cinquanta, resta uno dei luoghi più significativi e suggestivi da visitare in un pellegrinaggio da Padre Pio.

Santuario di San Pio da Pietrelcina

Un bellissimo luogo che fonde arte e devozione è, senza dubbio, il Santuario San Pio, dedicato a Padre Pio dopo la sua canonizzazione. Progettato da Renzo Piano è stato costruito tra il 1994 e il 2004 e rappresenta uno dei luoghi di culto più importanti costruiti negli ultimi decenni nel mondo. Non avendo i canoni estetici classici di una chiesa, la sua costruzione ha sollevato varie polemiche per lo sfarzo che si trova, soprattutto, nel piano inferiore della chiesa, il quale ospita le spoglie di San Pio, che in vita professava umiltà e viveva in condizioni di povertà, come il suo ordine sacerdotale imponeva. Tuttavia, è un bellissimo edificio adatto all’adorazione che accoglie sin dal sagrato con gli ulivi tutti i fedeli che si apprestano ad entrare.

Santuario di San Michele Arcangelo a Monte Sant’Angelo

A circa 20 chilometri da San Giovanni Rotondo, vi è un luogo poco conosciuto ma dal grande fascino artistico e religioso: il Santuario di San Michele Arcangelo a Monte Sant’Angelo. Questo spettacolare Santuario, patrimonio dell’Unesco da vari anni, risale al 493 d.c., è in stile longobardo e fu costruito in seguito alle apparizioni dell’arcangelo Michele, proprio in quei luoghi. Fu uno delle prime mete di pellegrinaggio dell’Occidente.  

Perché un pellegrinaggio da Padre Pio?

“Farò più rumore da morto che da vivo”  Questa famosa frase di Padre Pio ci fa capire la lungimiranza e l’intelligenza di un uomo saggio, seppur avesse vissuto la quasi totalità della sua vita in un convento e tra le quattro mura delle sua cella. Eppure San Pio conosceva gli uomini, la loro natura e i loro cuori. Ci sono diversi racconti di gente andata a confessarsi e cacciata dal frate, quando si rendeva conto che non gli si diceva la verità. Un grande discernitore di coscienze che non lasciava passare nulla.

Questo era Padre Pio, un uomo misericordioso sempre pronto ad aiutare gli altri, con misericordia e amore. Lo stesso amore che chiedeva agli altri, non per se stesso, ma per Cristo. Padre Pio professava l’amore per il prossimo, una qualità che in questi anni scarseggia, mentre abbonda l’odio e la rabbia verso il prossimo.

Perché quindi andare in pellegrinaggio da Padre Pio? Per fare un atto d’amore. Un atto d’amore verso se stessi, verso Padre Pio ma, soprattutto, verso Dio. Solo pentendoti e mostrando amore per Dio, la tua vita sarà cambiata davvero, metterlo al primo posto nei tuoi pensieri e nelle tue azioni quotidiane, ti farà capire quanto è bello fare del bene per te e per gli altri.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a scuola, morta bambina di 10 anni dopo una caduta durante l’ora di educazione fisica

  • Coronavirus, nuova ordinanza: Sicilia diventa zona gialla

  • Sicilia in zona gialla: cosa si può fare e cosa no dal 29 novembre

  • Sottopassi di viale Regione chiusi, allagamenti e spiaggia "sparita": Palermo dopo una notte di maltempo

  • L'esito dell'autopsia sul corpo della piccola Marta: "E' stata stroncata da un malore"

  • Scambio di morti per Covid all'obitorio del Civico, famiglia seppellisce la salma di un altro

Torna su
PalermoToday è in caricamento