rotate-mobile
Venerdì, 3 Febbraio 2023
La polemica

Boom di visite nei musei? "Alla Zisa e al Salinas -30% e -16% rispetto a prima della pandemia"

L'ex consigliere comunale Gelarda contesta i dati presentati dalla Regione: "Certo se confrontato con il 2021, passato tra lockdown e divieti, abbiamo fatto progressi, ma se guardiamo agli anni pre-Covid ci accorgiamo che siamo tornati indietro e anche di tanto"

"Leggo proclami per l'aumento quasi miracoloso di visitatori nei parchi e musei siciliani nel 2022, definito addirittura come 'anno d’oro' per presenze turistiche. Certo se confrontato con il 2021, passato tra lockdown e divieti di spostamenti, abbiamo fatto progressi. Qualcuno ha il coraggio di parlare di aumento di visitatori grazie a 'programmazione e visione', che nei beni culturali in Sicilia, in questi anni, nessuno ha avuto. Se confrontiamo i dati del 2022 con gli anni pre-pandemia, però, ci accorgiamo che siamo tornati indietro e anche di tanto". A dirlo è l'ex consigliere comunale di Palermo e primo dei non eletti di Sud chiama Nord alle ultime elezioni regionali in Sicilia, Igor Gelarda.  

"Secondo i dati ufficiali della Regione siciliana - spiega Gelarda - nel 2022 abbiamo registrato poco più di 3 milioni visitatori per parchi e musei siciliani a fronte degli oltre 5 milioni del 2018 e del 2019. Se la matematica non mente siamo al 40 per cento in meno rispetto 5 anni fa, altro che oro o argento".

L'ex consigliere snocciola i numeri di un "trionfo inesistente". "La Regione siciliana annuncia che il museo Salinas di Palermo ha avuto 58.000 visitatori nel 2022, ebbene nel 2018 sono stati ben 69.000 (-16% nel 2022). Il vero miracolo qui è che ci siano così tanti visitatori all’interno di un museo che dal luglio del 2011, cioè da 11 anni, non è interamente fruibile, con primo e secondo piano ancora chiusi". Per quanto riguarda il palazzo della Zisa "50.000 visitatori nel 2022 contro i 72.600 del 2018 - prosegue Gelarda -. Numeri in calo del 30 per cento e, comunque, risibili per l’unico edificio di questo tipo rimasto integro in tutto il Mediterraneo e che purtroppo la Regione non è mai stata in grado di trasformare in un Museo".

"Il Parco Naxos-Taormina e Isolabella - afferma ancora Gelarda - fanno registrare 844.452 persone nel 2022 contro le 992.000 del 2018 (-11%). Non va meglio per il chiostro di Monreale. Nel 2022 gli ingressi sono stati 250.000 contro i 282.000 del 2019 (-11,5 per cento). E ancora nella Valle dei Templi, sempre difficile da raggiungere grazie a una viabilità alto medievale con 809.500 ingressi nel 2022 contro i 955.000 del 2019 (-15,20 per cento). La Villa romana del Casale di Piazza Armerina ha chiuso l'anno con 253.000 ingressi contro i 354.000 del 2018 (-29 per cento). Chiudiamo, infine, con il Parco di Segesta con 239 mila nel 2022 e 307 mila nel 2018 (-12 per cento)",

"Certo, quelli del 2022 sono dati che fanno piacere perché indicano un'inversione di tendenza rispetto ai terribili 2020 e 2021 - conclude Gelarda -, ma nessun miglioramento dovuto ad amore o dedizione o a programmazioni inesistenti. Semplicemente una diminuzione della pandemia e una ripresa del flusso turistico. Quella che è mancata fino a ora è stata una politica vera di promozione internazionale".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Boom di visite nei musei? "Alla Zisa e al Salinas -30% e -16% rispetto a prima della pandemia"

PalermoToday è in caricamento