"Movimento imprese ospitalità", in piazza arriva il grido d'allarme dei ristoratori

Il 16 maggio alle ore 19 nelle principali piazze d'Italia - e nel piazzale antistante il Teatro Massimo - si svolgerà la manifestazione pacifica. "Abbiamo bisogno urgente per sopravvivere che alle parole seguano fatti immediati"

Movimento imprese ospitalità. Il 16 maggio alle ore 19 nelle principali piazze d'Italia - e anche a Palermo nel piazzale antistante il Teatro Massimo - si svolgerà l'evento M.I.O., una manifestazione pacifica nel pieno rispetto delle distane interpersonali. "Specie dopo l’ultimo decreto, noi imprese della somministrazione in genere abbiamo bisogno urgente per sopravvivere che alle parole seguano fatti immediati" spiega il comitato promotore.

“Il nostro movimento ha come obiettivo principale il sostegno alle imprese italiane sulle quali sta gravando pesantemente la situazione economica e sociale. Se non dovessimo riuscire a muoverci per tempo, il rischio che corriamo è che il tessuto economico del Paese si laceri in maniera irrecuperabile - proseguono -. Aziende familiari di ristoratori, albergatori, commercianti e artigiani verranno sostituite dalle uniche imprese che avranno avuto il potere di sopravvivere e che avranno ricevuto tutele per farlo, spesso multinazionali o grandi catene. Noi chiediamo il confronto con il presidente Conte al fine di salvaguardare il nostro lavoro e l’enogastronomia italiana, fiore all’occhiello nel mondo". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: Sicilia diventa zona gialla

  • Sicilia in zona gialla: cosa si può fare e cosa no dal 29 novembre

  • L'esito dell'autopsia sul corpo della piccola Marta: "E' stata stroncata da un malore"

  • Covid, Musumeci firma nuova ordinanza: bar e ristoranti aperti dalle 5 alle 18, ok ai negozi nei festivi

  • Coronavirus, divieto di spostamenti tra regioni valido anche per quelle in area gialla

  • Ragazzo disabile violentato nei bagni del centro commerciale, condannati due uomini

Torna su
PalermoToday è in caricamento