Mercoledì, 17 Luglio 2024
Attualità

E' morto Michael Roberts, il guru dello stile che amava la Sicilia: un anno fa la sua visita a Palermo

Il giornalista e fotografo britannico, fashion director di importanti riviste di moda, aveva 75 anni. L'amore del visionario per la Sicilia si è tradotto nel libro "Island of Eternal Beauties" presentato il 29 aprile 2022 a Palazzo Reale di Palermo

Il giornalista, artista e fotografo britannico Michael Roberts, fashion director di importanti riviste di moda, considerato un guru dello stile a livello mondiale, è morto lunedì 3 aprile nella sua casa in Sicilia all'età di 75 anni. L'annuncio della scomparsa è stato affidato da amici intimi all'edizione online di "Vogue".

La carriera di Michael Roberts era iniziata più di quarant'anni fa al "Sunday Times". Ha lavorato come design director di "British Vogue", come contributing editor di Condé Nast Traveller e come fashion director di "Tatler". I suoi ruoli più significativi sono stati quello di fashion director di "The New Yorker", un ruolo creato appositamente per lui, e di fashion & style director di "Vanity Fair".

Roberts ha segnato il corso della moda attraverso parole, immagini e illustrazioni e il suo lavoro è stato uno straordinario documento del panorama in continua evoluzione del settore. Conosciuto per il suo stretto rapporto di lavoro con "Vanity Fair", Tina Brown nel 1997 presentò Roberts ai lettori del "New Yorker" come "il Jean Cocteau del mondo della moda". Il suo talento anticonformista lo ha portato a diventare una delle autorità più rispettate del settore. Nel 2022 è stato nominato Comandante dell'Ordine dell'Impero Britannico (Cbe) per i servizi resi alla moda.

Era il 1987 quando Roberts visitò per la prima volta la Sicilia e fu un colpo di fulmine. Trentacinque anni dopo, l'amore del visionario Roberts per l'isola, che nel frattempo si era stabilito a Taormina, si è tradotto nel libro "Island of Eternal Beauties", più di duecento pagine edite dalla Fondazione Federico II che, incontrando Roberts in piena pandemia, aveva subito colto la prospettiva artistica del progetto. Un "safari fotografico siciliano", come l'ha definito il "Financial Times", con scatti unici che assorbono la magia dell'isola, sorprendente per la sua capacità di mantenere un mistero. "Quando pensi di aver compreso la Sicilia ti sfugge - scrive Roberts – I posti migliori del mondo mantengono un'aria di mistero". La prefazione del libro è firmata da un grande amico di Roberts, l'attore Rupert Everett, che scoprì la Sicilia grazie a lui. "Mentre la mia carriera decollava - ha scritto nella prefazione - lui diventò il mio fotografo personale. Non facevo nemmeno una mossa senza Michael. Un camaleonte, riesce a cambiare carriera a ogni stagione". Everett era presente alla presentazione del volume, che si è tenuta il 29 aprile 2022 a Palazzo Reale di Palermo.

Nato nel Buckinghamshire nel 1948 da padre originario di Santa Lucia e madre inglese, l'educazione non convenzionale di Roberts è iniziata quando è stato mandato in collegio dopo la morte del padre nel 1960. In seguito ha studiato belle arti e design grafico presso una scuola d'arte di High Wycombe. Mentre era ancora all'università, vinse un premio di illustrazione sponsorizzato da un'agenzia pubblicitaria che gli permise di recarsi a New York, dove conobbe Andy Warhol e Richard Avedon e dove i suoi lavori furono pubblicati per la prima volta su "Women's Wear Daily".

Roberts ha avuto una carriera decennale nei media e nella moda come fotografo, illustratore e redattore di moda. È stato la forza creativa dietro a molte copertine di riviste degne di nota, tra cui una copertina di "Tatler" che ritraeva la stilista Vivienne Westwood nei panni dell'ex primo ministro Margaret Thatcher e una copertina di "Vanity Fair" con un'immagine di Helmut Newton che ritraeva l'attrice Daryl Hannah bendata con in mano due premi Oscar.

Più di recente, Roberts è stato conosciuto soprattutto come direttore della moda e dello stile di "Vanity Fair" e come direttore delle pagine di moda del "New Yorker"; in entrambi i ruoli ha lavorato al fianco della sua collaboratrice di lunga data Tina Brown.

La sua influenza si è estesa anche al di fuori delle pubblicazioni per cui ha lavorato. Roberts ha pubblicato numerosi libri illustrati, tra cui "GingerNutz: The Jungle Memoir of a Model Orangutan", pubblicato insieme all'ex direttrice di "Vogue" Grace Coddington e ispirato al libro di memorie della Coddington del 2012 sulla sua vita.

Roberts ha anche diretto un documentario intitolato "Manolo: The Boy Who Made Shoes for Lizards", sullo stilista di scarpe Manolo Blahnik, uscito nel 2017. Si tratta della seconda collaborazione per la coppia: Nel 2016, Blahnik ha pubblicato un libro con le fotografie di Roberts delle scarpe dello stilista, intitolato "Manolo Blahnik: Fleeting Gestures and Obsessions".

"La Fondazione Federico II - si legge in una nota - esprime profondo cordoglio per l’improvvisa scomparsa all’età di 75 anni di Michael Roberts. Solo un anno fa, a 35 anni da quella prima volta, aveva pubblicato il suo ultimo libro, edito dalla Fondazione Federico II: una lettera d’amore per l’Isola. Un amore che si è tradotto nel volume “Island of Eternal Beauties”, più di duecento pagine sostenute dalla Fondazione che, incontrando Roberts in piena pandemia, aveva subito colto la prospettiva artistica del progetto".

Fonte Adnkronos

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

E' morto Michael Roberts, il guru dello stile che amava la Sicilia: un anno fa la sua visita a Palermo
PalermoToday è in caricamento