Mercoledì, 28 Luglio 2021
Attualità Zen

"Il 60% dei bimbi palermitani vive in quartieri dormitorio", l'allarme di Save the children

L'organizzazione no profit parla di “periferie funzionali”, aree "prive di opportunità e povere di relazioni sociali" e traccia la mappa delle differenze quartiere per quartiere

Foto Riccardo Venturi

In Sicilia il 42% dei bambini e adolescenti vive in condizioni di povertà relativa. Ma non sono solo le condizioni economiche del nucleo familiare a pesare sul loro futuro. L’ambiente in cui vivono ha un enorme impatto nel condizionare le loro opportunità di crescita e di futuro. Pochi chilometri di distanza, tra una zona e l’altra, possono significare riscatto sociale o impossibilità di uscire dal circolo vizioso della povertà. A Palermo i quartieri "sensibili" sono Zen, Kalsa, Brancaccio e Cep. E' quanto si legge nel IX Atlante dell’infanzia a rischio “Le periferie dei bambini” di Save the Children, pubblicato da Treccani. Il volume vuole essere un "viaggio" senza precedenti attraverso le periferie delle grandi città e del Paese. Save the Children parla di vere e proprie “periferie educative”, in termini di mancato accesso all’istruzione, agli spazi ricreativi e culturali.

Secondo Save The Children "la segregazione educativa allarga sempre di più la forbice delle disuguaglianze, in particolare nelle grandi città come Palermo, dove vivono tantissimi bambini, ed è lì che bisogna intervenire con politiche coraggiose e risorse adeguate".

Periferie dormitorio

Save The Children offre una nuova visione del termine "periferia". Sono quasi 3,6 milioni i bambini e adolescenti che vivono nelle 14 principali aree metropolitane del Paese (2 su 5 del totale in Italia), e crescono spesso in zone o quartieri sensibili che possiamo definire “periferie” da tanti punti di vista differenti, non solo rispetto alle distanza dal centro città, ma in base ai diversi deficit urbanistici, funzionali o sociali dei territori. Sono ad esempio “periferie funzionali” i quartieri dormitorio, “svuotati” di giorno per effetto dei grandi flussi pendolari verso i luoghi di lavoro, prive di opportunità e povere di relazioni sociali. Secondo questo criterio, a Palermo vivono in aree "periferiche" il 60% dei bambini al di sotto dei 15 anni. Più in generale, quando bambini e adolescenti del Sud e delle isole si guardano intorno, il 8,8% vedono strade scarsamente illuminate e piene di sporcizia, non respirano aria pulita e percepiscono un elevato rischio di criminalità, un dato che sale al 17,5% nelle grandi aree urbane del meridione e delle isole.

Le competenze scolastiche

All’interno di una stessa città, l’acquisizione delle competenze scolastiche da parte dei minori segna un divario sconcertante. A Palermo i 15-52enni senza diploma di scuola secondaria di primo grado segnano il dato più basso (2,3%) nella zona Malaspina-Palagonia e il 23% a Palazzo Reale-Monte di Pietà. Anche i dati tratti dai test Invalsi confermano il divario nell’apprendimento scolastico e questi stessi quartieri sono divisi da una distanza siderale di 21 punti.

Niente scuola e niente lavoro

Differenze sostanziali tra una zona e l’altra riguardano anche i "Neet, ovvero i ragazzi tra i 15 e i 29 anni che non studiano più, sono senza lavoro e non sono inseriti in alcun circuito di formazione: anche in questo caso le differenze tra aree della città sono significative e vanno dai numeri più bassi della zona di via Libertà (8,8%) a zone dove la concentrazione è più alta come Pallavicino (26,1%).

“È assurdo che due bambini che vivono a un solo isolato di distanza possano trovarsi a crescere in due universi paralleli. Rimettere i bambini al centro significa andare a vedere realmente dove e come vivono e investire sulla ricchezza dei territori e sulle loro diversità, combattere gli squilibri sociali e le diseguaglianze, valorizzare le tante realtà positive che ogni giorno si impegnano per creare opportunità educative che suppliscono alla mancanza di servizi”, dice Valerio Neri, direttore generale di Save the Children.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Il 60% dei bimbi palermitani vive in quartieri dormitorio", l'allarme di Save the children

PalermoToday è in caricamento