rotate-mobile
Domenica, 22 Maggio 2022
Attualità Sperone

La "lezione" di Michele Cannistraro ai ragazzi dello Sperone: "Credete in voi stessi"

Al centro dell'incontro con lo chef lombardo, vincitore del format "MasterChef All Stars Italia", il tema della ristorazione come opportunità di riscatto e lavoro

Un'esperienza ricca di emozioni, che ha chiuso una due giorni tutta siciliana per Michele Cannistraro, vincitore di "MasterChef All Stars Italia", format televisivo in onda su Sky. Lo chef lombardo - di origini siciliane per parte di padre, originario di Caltanissetta - ha accolto infatti l'invito del Cirs, e ha incontrato gli allievi del Centro di formazione professionale, prima a Messina e poi a Palermo. In visita nelle sedi delle due città, ha raccontato il suo percorso che lo ha condotto ad abbandonare l'impiego di capocantiere per diventare chef, con tutta la determinazione necessaria per affrontare gli ostacoli prima di realizzare un sogno.

A Palermo, il celebre chef è stato accolto dagli allievi del percorso della ristorazione nei locali di via Generale Luigi Bertett 100-102 allo Sperone, un'area cittadina dove ancora i fenomeni della povertà educativa e della marginalità sociale non sono stati sconfitti. I ragazzi, con grande entusiasmo, hanno ascoltato e recepito la lezione speciale di Michele Cannistraro: un incitamento a non abbandonare mai gli obiettivi e a costruire con caparbietà il proprio percorso professionale. L'incontro ha dato il via, ufficialmente, al Premio "C.I.R.S. MasterChef " organizzato dal Comitato Italiano per il reinserimento sociale: il successo della prima edizione apre le porte a un futuro carico di progetti e iniziative.

Michele Cannistraro dapprima ha preparato in modo estemporaneo un piatto con prodotti locali e poi ha suddiviso in "brigate" gli allievi. Ognuno ha ricevuto una mystery box dove erano contenuti ingredienti a sorpresa. I ragazzi si sono dunque cimentati nella realizzazione di una pietanza: una preziosa occasione per mettere in risalto le loro qualità ma soprattutto le competenze acquisite durante il percorso formativo. A vincere la prima edizione del Premio è stata la brigata 3, composta da Cristian Bonanno, Gaetano Mezzatesta, Cristian Siracusa e Giuseppe Lipari: per loro, una targa autografata da Michele Cannistraro.

Gallery

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La "lezione" di Michele Cannistraro ai ragazzi dello Sperone: "Credete in voi stessi"

PalermoToday è in caricamento