rotate-mobile
Sabato, 4 Febbraio 2023

VIDEO | Lego, milioni di mattoncini per sognare: montata anche a Palermo la mostra dei record

Spiderman e gli altri supereroi si nascondono tra i fantastici diorama di "I love Lego", l'esposizione che ha già visto oltre 1 milione di visitatori in giro per il mondo e che sarà ospitata al loggiato San Bartolomeo fino al 4 giugno 2023. Presente l'oncologo palermitano Livio Blasi, collezionista di centinaia di pezzi, che ha in mente di riprodurre il Teatro Massimo

Arriva nel capoluogo siciliano - dal 20 dicembre 2022 al 4 giugno 2023, al loggiato di San Bartolomeo di Palermo "I love Lego", la mostra dei record che ha già visto oltre 1 milione di visitatori nelle sue tappe in giro per il mondo: una mostra pensata per sognare, divertirsi e riscoprire il proprio lato ludico e creativo scrutando tra i dettagli di interi mondi in miniatura. Promossa dal ministero del Turismo, dalla città metropolitana di Palermo, dal Comune, dall'assessorato regionale del Turismo, sport e spettacolo, all’interno del Progetto “Il tempo insieme”, la mostra è prodotta e organizzata dalla Fondazione Sant’Elia e Piuma in collaborazione con Arthemisia per la comunicazione. Decine di metri quadrati di scenari interamente realizzati con mattoncini LEGO® andranno a comporre vere e proprie opere di architettura e ingegneria: dalla città contemporanea ideale alle avventure leggendarie dei pirati, dai paesaggi medievali agli splendori dell’Antica Roma, ricostruiti e minuziosamente progettati coi moduli più famosi al mondo.

Milioni di mattoncini ma non solo. Tra 6 fantastici diorami costruiti grazie alla collaborazione di un gruppo di appassionati collezionisti privati, al Loggiato di San Bartolomeo tante installazioni rendono la mostra unica. Infatti, a far da cornice ai minimondi Lego e “invadendo” gli stessi diorami, le simpaticissime vignette comiche ideate da “Legolize” (pagina umoristica che crea installazioni utilizzando proprio i Lego) accompagneranno i visitatori a dimostrare quanto dei semplici mattoncini siano entrati - anche per un solo momento - a far parte della vita di ciascuno e siano in grado di “creare arte a 360°”. Fondata da tre ragazzi - Mattia Marangon, Samuele Rovituso e Pietro Alcaro - la pagina Legolize è nata nel 2016 e attualmente conta più di mezzo milione di fan su Instagram e altrettanti su Facebook. Inoltre, lungo il percorso di mostra saranno presenti anche gli oli ispirati a grandi capolavori della storia dell’arte reinterpretati e trasformati in “uomini lego” dall’artista contemporaneo Stefano Bolcato: unendo la sua passione per i Lego e la sua arte - attraverso una tecnica pittorica ad olio - crea forme di assemblaggio ispirate in particolare modo dal “magnetismo” dei ritratti rinascimentali.

La mostra è un’occasione imperdibile per tutti gli appassionati, per le famiglie e per i più piccoli, che potranno passare una giornata da protagonisti in un’atmosfera magica e divertente che ha come protagonista quei mattoncini “prodigiosi” che ogni anno fanno giocare oltre 100 milioni di persone. La mostra non è direttamente sponsorizzata da Lego ed è realizzata grazie ad alcuni dei più grandi collezionisti del mondo. "Per Palermo e per la Fondazione Sant’Elia - dice il sindaco e presidente della Fondazione Roberto Lagalla - è un’occasione e un privilegio poter fare da cornice alla mostra 'I Love Lego', come dimostrano i numeri di visitatori dell’esposizione nelle tappe in giro per tutto il mondo. Stiamo parlando di un gioco senza tempo, che spesso diventa opera d’arte, che unisce diverse generazioni di appassionati. Per questo, sono convinto del successo che avrà la mostra in termini di visite, in particolare bambini con i propri genitori".

Per Antonio Ticali, sovrintendente della Fondazione "l’idea che ha animato questa scelta espositiva è stata quella di realizzare momenti di divertimento rivolti alle famiglie; riscoprire il piacere di stare insieme, bimbi, ragazzi ed adulti, rinunciando per qualche ora ai cellulari ed ai videogiochi. Allenare la creatività durante l’infanzia, ideando e costruendo mondi fantastici, è un potente strumento al servizio dello sviluppo dei più piccoli. E per i bambini ed i ragazzi c’è un mezzo per eccellenza per tenere in esercizio tale capacità, rendendola anche il più possibile divertente: il gioco. In un tripudio di colori e prospettive che incanta tanto i bambini quanto gli adulti, 'I love Lego', racconta l’incredibile trasformazione di quello che, da giocattolo tra i più comuni e conosciuti, si è trasformato negli anni in vera opera d’arte, strumento pedagogico e di formazione, di recente, impiegato persino da start up e case automobilistiche. La mostra mette in rete la città di Palermo con Napoli e Milano, che nell’anno in corso, per la celebrazione dei 90 anni dalla creazione dei famosi cubetti colorati, hanno organizzato molteplici iniziative aventi come tema il gioco".

"La mostra sarà una occasione irrinunciabile e singolare per tante famiglie che potranno ritrovarsi con figli, nipoti e trascorrere dei momenti di spensieratezza almeno durante le festività lontani dai problemi quotidiani. Nei prossimi mesi sarà anche una opportunità di inclusione per i bambini affetti da alcune patologie, penso ad esempio ai bimbi affetti da autismo che potranno interagire tra loro giocando con le costruzioni", Angela Fundaró, vicepresidente Fondazione Sant’Elia.

Video popolari

VIDEO | Lego, milioni di mattoncini per sognare: montata anche a Palermo la mostra dei record

PalermoToday è in caricamento