Mercoledì, 20 Ottobre 2021
Attualità

Via le stellette dal gilet arancione, tolti i gradi al generale Pappalardo e lui tuona: "Un abuso"

Gli è stato notificato un provvedimento amministrativo per la "violazione dei doveri attinenti al giuramento prestato e aver creato disonore alle forze armate durante la pandemia". Il combattivo 74enne palermitano annuncia ricorso: "Mi perseguitano"

Niente più stellette e gradi. Il generale palermitano Antonio Pappalardo, leader dei "Gilet arancioni", non è più generale dell'Arma dei carabinieri. Secondo quanto si apprende, gli è stato notificato oggi un provvedimento amministrativo di perdita del grado per rimozione da parte del ministero della Difesa. 

Il motivo? A violazione dei doveri attinenti al giuramento prestato e aver creato disonore alle forze armate durante la pandemia. 
Il combattivo 74enne replica seccamente all'AdnKronos: "Un abuso"

"Mi hanno notificato - dice - comportamenti che riguardano la mia attività politica, io sono presidente di un movimento politico e ho parlato davanti a tutti nel corso di manifestazioni pubbliche. Da anni mi perseguitano - sottolinea annunciando di essersi già rivolto ai suoi legali - Presenterò una denuncia e chiederò in nome e per conto del movimento due milioni di euro di danni". 

Pappalardo spiega che il provvedimento gli è stato notificato dopo che "sabato abbiamo fatto una manifestazione a Milano e poi ho consegnato a un vicequestore un verbale di arresto nei confronti di Mattarella, Draghi, governanti e parlamentari per usurpazione del potere politico visto che Mattarella è stato eletto da parlamentari non convalidati. Stiamo ricevendo - sostiene . centinaia di dichiarazioni di persone che ci dicono che si sono vaccinate anche se non volevano, costrette perché non potevano perdere il posto di lavoro" 

Fonte Today.it

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Via le stellette dal gilet arancione, tolti i gradi al generale Pappalardo e lui tuona: "Un abuso"

PalermoToday è in caricamento