menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

L'ospedale Giglio ricorda l'infermiere Cristofaro: un premio porterà il suo nome

L'iniziativa in memoria di Giovanni Cristofaro, coordinatore dell’Emodinamica scomparso prematuramente a 48 anni lo scorso 30 novembre. Il presidente della Fondazione, Giovanni Albano: "Ricordiamo una persona speciale che si è sempre distinta nel suo lavoro"

E’ stato istituito alla Fondazione Giglio di Cefalù, con delibera del consiglio di amministrazione, il premio commemorativo “Giovanni Cristofaro”, infermiere coordinatore dell’Emodinamica scomparso, prematuramente, all’età di 48 anni lo scorso 30 novembre.

"E’ un premio ma anche un messaggio – ha detto il presidente della Fondazione Giglio, Giovanni Albano - per tutta la comunità per ricordare una persona speciale che si è sempre distinta nel suo lavoro. C’è stata tanta emozione durante i lavori del cda quando ne è stata decisa l’istituzione”.

Presenti alla presentazione del premio anche i componenti del cda, Salvatore Curcio e Domenico Porretta, il direttore amministrativo Gianluca Galati oltre alla moglie di Giovanni Cristofaro, Maria Grazia Messina, infermiera del Giglio, con i due figli. Il premio verrà assegnato annualmente e sarà suddiviso in due categorie: premio miglior infermiere "Memorial Giovanni Cristofaro" e premio "Miglior dipendente dell’anno". A scegliere il vincitore saranno tutti i dipendenti della Fondazione  attraverso un voto elettronico. I vincitori riceveranno un rimborso spese di euro 1.500 finalizzati ad attività formativa. La cerimonia si terrà il 30 novembre nel giorno in cui è morto Cristofaro. “Sarà un giorno per il ricordo ma anche di festa” ha rilevato la responsabile del servizio infermieristico Stefania Vara sottolineandone “saggezza e professionalità” .

Per il responsabile della cardiologia Tommaso Cipolla “in Giovanni c’era la somma di tante qualità semplici ma alla base del buon funzionamento di una squadra”. Commosso l’intervento della moglie Maria Grazia Messina “Giovanni ha lasciato un segno indelebile nel cuore di tutto l’ospedale. E’ motivo di grande orgoglio per me e per i miei figli”.
 
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento